giovedì 1 settembre 2016

IL MIO PARLARE E' PER TUTTI.



°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

CONVERTIRE  I  CONVERTITI !?

Alle volte mi trovo su facebook delle persone che mi rimproverano che io dovrei a loro dire stare con i miei, cioè con i Cristiani, e quindi reagiscono chiudono l'amicizia, ma  non posso certo far nulla verso costoro, facciano quello che credono.

Per cui, vorrei fare una precisazione per tutti, io non scrivo per i cattolici, come Gesù non parlava solo per i suoi apostoli, ma per tutti, così io scrivo per tutti, e dico questo, se una persona che si ritiene cristiana non fa il suo apostolato e fa solo per i cristiani, non è cristiano, perchè che beneficio ha a convertire chi è già convertito? Nessuno! 

Per cui il cristiani deve portare la parola ai non cristiani, i quali non conoscono la salvezza di Cristo. Oltretutto come diceva Gesù "che meriti avete se quanto seminate lo date solo a chi è come voi" nessuno, per cui nel mio profilo accetto tutti, cristiani e non cristiani, ovviamente pretendo rispetto, perchè la sopraffazione non mi piace, ne degli uni ne degli altri. E chi pensa che un cristiano debba stare con i cristiani sbaglia, perchè non fa nessun apostolato. Semmai un Cristiano ha bisogno di essere istruito su come si deve comportare e come, cosa comunicare, questo si. Ma sono i lontani, gli atei, i pagani, i mussulmani, e tutti gli altri a dover essere convertiti, perchè i cristiani dovrebbero essere già salvi, salvo il fatto che debbano solo fare le opere per alimentare le lampade. Alle volte mi chiedo se chi si dice cristiano lo sia realmente, perchè molti tra i cristiani, anche ferventi, fuggono innanzi a chi non è cristiano, come se gli altri fossero degli appestati.

Quindi i cristiani chi convertono? 
Come diceva Gesù se tu fai del bene a chi è come te, che vantaggi ne hai?

E la chiesa chi converte?
Le parole che la chiesa pronuncia ogni domenica sono per i credenti o per i non  credenti? 

Certo non possiamo costringere i non credenti  a partecipare alle nostre funzioni, ma tutti i credenti, dovrebbero agire nel tentare di essere portatori di quella parola lasciata da Cristo.

La messa si fa per i credenti, ma questo non è fare la volontà di Cristo, ma tentare di conservare i cristiani convertiti, cioè tenerseli a se. Ovviamente la chiesa è aperta a chi vuole entrare, ma l'idea di Cristo non era questa, che , chi vuole avvicinarsi si avvicini, ma era quella di andare a trovare questi altri fratelli e tentare di convertirli, invece nel corso dei secoli questa tendenza è andata sperdendosi e la chiesa si è chiusa in se stessa, attendendo che gli uomini si avvicinino ad essa, cosa completamente difforme dalla volontà di Cristo. 

Io capisco che in qualche modo la chiesa vuole custodire il suo ovile, ma essa così facendo non converte nessuno, che non sia già convertito, per cui il vero operato della chiesa attuale e un po quella ogni tempo è sempre stato quello di conservare i cristiani acquisiti, forse in epoche passare, ha tentato di convertire altri popoli e spesso lo ha fatto con sistemi per nulla simpatici assai coercitivi. Come Cristo diceva se la persona non ascolta alla terza volta lasciala, ma senza usare violenza su di essa, invece purtroppo gli uomini di chiesa hanno usato spesso la violenza sui popoli, forse per ben altre ragioni, che non la vera conversione. Ma questo è un altro discorso.

Inoltre i cristiani non si devo accontentare di salvare cioè convertire una sola persona, devo superare se stessi e tentare di convertire molti, e i modi e le situazioni per farlo sono tantissime, basta trovare il giusto motivo per introdurre con un po furbizia un qualsiasi anche banale discorso, usando possibilmente la logica, per convertire non serve andare dritto la nocciolo della questione, bisogna essere un po furbi, e trovare il giusto appiglio, senza esercitare un oppressione. Solitamente la simpatia che si instaura tra le persone agisce da molla per riuscire anche a convertire, un esempio, il comico-critico-deputato Grillo, quando faceva il comico era molto acclamato dalle folle e molto amato, un po da tutti, specie perchè a suo modo condannava la classe dirigente, e questo lo faceva ben volere dalla gente che gli credeva con facilità, ora che non fa più ridere, ha perso anche le amicizie e la stima delle gente. Questo per far capire, che finché alla gente piaci essa fa quanto su desideri, quindi se riscuoti simpatia sicuramente molti ti ascoltano è quando sei antipatico che nessuno ti vede. 

Cristo parlava con la verità, e chi era nella verità lo ascoltava e lo amava, mentre altri non contenti della verità proposta se ne andavano. 

In un modo o nell'altro se la persona risulta simpatica al popolo, questo facilmente a lui/lei si converte, con l'oppressione nessun popolo si converte.

Oggi giorno poi non si può pensare di convertire qualcuno direttamente è quasi impossibile, allora bisogna essa un po furbi e prendere le persone da lontano e giorno dopo giorno, le porti dove vuoi tu. Ovviamente più la persona è resistente e più dovrai prendere le giuste cautele, ognuno poi trova il modo e il sistema, anche perchè il Signore in ciò aiuta molto. 

Non si può convertire chi è già convertito, puoi solo custodirlo, puoi solo mantenere il loro credo, ma nemmeno tanto, perchè poi il credente fa quello che la chiesa stessa fa su se stessa, nel senso che se la chiesa non va e converte di persona, anche il credente fa lo stesso, perchè il credente imita quanto fa chiesa, e non ascolta la parola di Cristo, ma imita l'uomo di chiesa, come fanno i bambini con i loro genitori, così fa il popolo. Ovviamente se nella chiesa ci sono uomini, che agiscono non bene è ovvio che poi la gente mormora, è inevitabile. Per cui se l'uomo di Chiesa non sa tenersi saldo a Cristo con rigidità, come può pensare di operare nel bene di Cristo?

Se l'uomo di chiesa non fa attenzione, 
i convertiti battezzati, potrebbero convertirsi in altro! 
Ma un vero convertito in Cristo non si convertirà mai in altro.

Come dire, come può la chiesa materne accesa la sua lampada
 se non trova nuovi convertiti?
Ci vuole sempre olio nuovo per mantener accesa la lampada!

Ai credenti in Cristo, se volete convertire, non dite mai oggi ho convertito e questo mi basta, perchè il vostro olio che tiene accesa la vostra lampada può consumarsi nel tempo, e allora serve altro olio, per cui una volta imparato a convertire, non fermatevi, fate incetta d'olio affinché la vostra lampada non si spenga mai. Non vi accontentate di una, ma pensate sempre che una è troppo poco, questo è quello che Cristo vuole da tutti, non accontentarsi mai. 


Chi può convertire i convertiti?
Satana!
Questa è la sua vera opera, tentare di convertire i convertire è in sostanza quello che fa la scienza atea, e quello che fa l'islam e quello che fanno alcune altre religioni come i testimoni di Geova, ed altri che vorrebbero convertire alle loro cause i Cristiani.

Le azioni terroristiche sono un chiaro segno di debolezza, ma anche un segno di sopraffazione si vuole indurre la popolazione a cedere alla volontà del terrorista. 
Perchè chi terrorizza, spesso non sa comunicare un idea, un alternativa  e quindi usa la violenza e il terrore per imporre la propria volontà. 
Nella schiera dei terroristi non esistono solo i veri e puri terroristi, ma anche tutti coloro che usano lo stesso sistema, diventano terroristi in altro modo e  mantengono alta la tensione per altri scopi,  nel corso della storia molti hanno usato questi sistemi. 
Anche re, sultani, capi di stato, presidenti, militari, servizi vari, despoti, etc.



Questo è lo slogan che da molto tempo l'Isis lancia contro i Cristiani di tutto il mondo, 
specie contro la Chiesa Cattolica, Ortodossa, etc. Ma i veri Credenti in Cristo non cedono innanzi a nessuno e la Chiesa nel suo più alto esponente il pontefice deve dar prova di assoluta dedizione a Cristo, non mescolando le fedi. Noi Cristiani non potremo mai e poi mai essere islamici o induisti o altro. Anche se nella volontà puoi tradire Cristo, convertendoti ad altro, ma il battesimo te lo porti sempre con te. Gli atti di sbattezzo sono solo formali, perchè nella realtà nessuno può togliere nulla. Per cui un battezzato in Cristo, lo rimane fino al suo giudizio. Ed è assai peggiore un tradimento verso Cristo che la morte per mano dell'Islam. Perchè il primo ti manda all'inferno, il secondo guadagni il paradiso. 

Io sono dispiaciuto per gli islamici, per un semplice ragionamento.
Se il Dio dell'Islam fosse veramente il Dio di Abramo, Giacobbe e tutti i profeti d'Israele, sarebbe un Dio buono, giusto, vero, che agisce solo per proteggere coloro che lo amano, che fanno quanto Egli comandò. Se fosse come loro dicono, perchè loro stessi non si sottomettono ai 10 comandamenti? Visto che sostengono che il Dio d'Israele è lo stesso Dio che loro adorano. 

Il Fatto stesso che gli Islamici non si sottomettono ai 10 comandamenti del Dio d'Israele da ciò si comprende che non è lo stesso Dio, altrimenti per logica e di qua non si scappa, loro dovrebbero ammettere che è lo stesso Dio. Proprio perchè il Dio d'Israele è venuto prima di tutti i profeti.

Ora se fosse lo stesso Dio, che ha promesso tutto quello che ha fatto dire a tutti i profeti prima di Maometto, perchè mai dovrebbe uccidere chi lo ama? Semmai per logica dovrebbe uccidere chi non lo ama, o chi uccide i suoi figli, Ebrei e Cristiani, ed infatti è così, chi uccide un appartenente che sia realmente credente in Dio Onnipotente, in realtà uccide se stesso, un islamico che pensa che uccidere un credente in Dio Padre Celeste lo mandi all'inferno si sbaglia di grosso, perchè in realtà uccide se stesso, uccidendo un qualsiasi figlio di Dio o credente in Lui.

Per quello dico, a me dispiace per gli islamici, perchè loro credono di essere nel giusto e credono di credere nello stesso Dio d'Israele cosa che non è possibile.
Si dovrebbero decidere qual'è il loro Dio!!!