venerdì 14 aprile 2017

PREGARE IN MODO EFFICACE.

COME SI PREGA!



Molti mi chiedo ma tu come preghi?
La gente pensa che io usi chissà cosa, ma in realtà io prego come fanno tutti, forse non proprio, certo il Signore mi ha insegnato che la preghiera più efficace di tutte è quella spontanea semplice quella che assomiglia molto a quella dei bambini, quindi il miglior modo di pregare è mettersi in ascolto e osservare come un bambino piccolo prega, generalmente loro hanno un modo tutto particolare di rivolgersi al Signore, e veramente sono amanti del Signore, ecco anche voi dovete essere così, questo è il miglior modo di ottenere le grazie che desiderate, imitate i vostri figli, se ne avete, se no,  osservate quelli di altri, capirete molto.  Poi ovviamente c'è un giusto modo per rivolgersi al Signore, se pensate di chiedere la grazia al Padre Celeste, prima di arrivare a lui, dovete passare attraverso tutti i gradi possibili, cioè si parte da una preghiera a qualche santo che più vi ispira poi si passa alla preghiere progressive agli angeli seguendo il loro grado, per arrivare alla madre di Dio, a gesù Figlio Suo, allo Spirito Santo ed infine al Padre Onnipotente, questo è generalmente il modo consono e giusto per rivolgersi alla Maestà del Padre Celeste. Le preghiere progressive sono sempre un modo giusto per entrare nelle grazie di Dio, dello Spirito Santo, del Figlio Gesù e anche della Madre Immacolata, piuttosto che andare direttamente alla fonte, per tutta una serie di ragioni, è bene passare per gradi. Bisogna sempre pensare di pregare e ringraziare i sottoposti a Dio, perchè è giusto riconoscere la loro attività verso di noi e riconoscerli in quello che sono, specie se si parola di angeli.
Ma tutto deve essere fatto nella massimo semplicità possibile, non lambiccatevi con la ricerca di chissà quali formule, il Signore proprio di cose artificiose non se ne fa nulla. 

Un altro aspetto importante è il modo in cui si prega, quindi se ci vuole semplicità e gradualità, ci vuole anche musicalità e ritmo, bisogna pregare come se si cantasse, con un ritmo preciso e dolce, ben cadenzato, non noioso, anche con un certo tono brillante, e anche sostenuto ma molto armonico, questo è piacevole non solo per voi, ma anche perchè rende la preghiera simile a quella che gli angeli fanno verso Dio. Quindi diventa molto gradevole. 

Questo vi posso dire ed insegnare quanto a me è stato insegnato. 
L'importante è la semplicità, il rispetto dei singoli soggetti sacri rispetto al posto che occupano, e il come si dice, il resto viene con l'abitudine e il sentimento. 

Non si prega urlando, non si prega facendo dormire, non si prega nella noia, non si prega senza sentimento, non si prega quando si è arrabbiati, si prega solo quando si è nella gioia, quindi prima di pregare fate qualche respiro buttate via i pensieri "negativi" e calmate la vostra mente, e allontanate da voi l'orologio, poi iniziate. 


martedì 11 aprile 2017

IMPARATE A RICONOSCERE I MESSAGGI DI DIO , DELL'UOMO O DI SATANA.

MESSAGGI SATANICI COME RICONOSCERLI DA QUELLI UMANI.



Qualcuno mi ha chiesto se i messaggi che circolano in rete e su vari libri di pseudo-veggenti sono tutti autentici, direi che è bel dilemma dire autentici, anzi una parolona veramente grossa, visto che la gran parte sono opera umana. Allora mi è stato chiesto se questi sono di opera satanica. 
Il discorso è questo, dobbiamo pensare a chi era Satana in origine, si dice e si racconta fosse l'essere angelico più bello, quello con il più ampio potere tra tutti gli angeli di Dio, tanto da sentirsi esso stesso un Dio, perdendo la sua umiltà è precipitato dove sappiamo. Ma come angelo egli era in grado di comunicare come tutti gli altri suoi simili, con perfezione e precisione, per cui i messaggi che Satana eventualmente trasmette a noi, non sono imperfetti, e certamente hanno in loro una notevole capacità linguistica, perchè è indubbio, che Egli non voglia sfigurare innanzi a nessuno, vanesio com'è, per cui per costui far bella figura e dimostrare le sue abilità linguistiche, tecniche e conoscitive è fondamentale per essere ben accetto in una società umana esteriore, dove la massa guarda a chi scrive bene, non a chi riceve un messaggio vero e autentico. I messaggi che Satana trasmette all'uomo sono molto ben scritti e precisi, tanto da essere confusi con quelli di Dio, anzi potrebbero apparire anche migliori sotto svariati punti di vista, solo che quando lui, fa scrive un messaggio poi data la sua natura di sentirsi più di altri, eccede nelle sua natura, e supera il limite, inserendo nei testi, nei discorsi parole che dimostrano chiaramente la sua arroganza, e il sentirsi più di altri; ricordiamo che non ama essere secondo a nessuno, per cui, vuole sempre primeggiare, il vanitoso, mostra la sua vanità anche nel suo parlare e scrivere. Per cui questi testi-messaggi contengono elementi tali dai quali si comprende che il messaggio è di natura satanica, ma questi elementi non sono facilmente identificabili neppure dal clero stesso, che potrebbe confondere il Santo con il posseduto e viceversa. Per cui questa sua natura è visibile solo a certi soggetti in modo molto lieve e spesso è sfuggevole; ma se l'occhio non è attento e non comprende, come quello di gran parte del mondo anche clericale, possono confondere il testo con una autentico. 

Ma quante volte Satana ha trasmesso di suo pugno messaggi all'essere umano?

Questo non lo so con precisione, ma certamente lo ha fatto, sia per tentare che provare gli stessi uomini, e veder fin dove poteva tentarli o corrompere il pensiero generale anche della chiesa.  Satana ha dato ampiamente dimostrazione, di essere in grado di scrivere cose meravigliose e comporre bellissime musiche, così come cose orribili, per cui bisogna vedere quale sia realmente il suo scopo.

Per cui dire che nei pseudo-veggenti attuali satana è stato presente in modo perfetto, direi per molti di no, perchè semmai egli li ha tentati in altri modi e li ha anche usati in modi diversi, lasciandoli fare, che scrivessero con la loro fantasia, o che copiassero da altri o dalla scrittore,  istigandoli a scrivere di pugno loro, e direi anche suggerendo più o meno i contenuti, ma mai con precisione e perfezione, se non in casi rarissimi. Per cui direi che il 99% dei messaggi attuali sono opera dell'uomo, e solo 1% sono opera di Dio o anche opera del Maligno. 

Come effettivamente si può capire se un testo è autentico o del maligno?

Prima di tutto bisogna leggere e vedere la costruzione del messaggio, poi individuate le parti strane si cerca di capire quale senso danno, e infine se si riesce ad individuare queste, si deve cercare di comprenderne il messaggio vero che si cela dietro a quelle parole. Una volta trovate le parti incriminate il messaggio deve essere tolto dall'attenzione del popolo. Spesso però i pseudo veggenti, non comprendono se quello che gli viene trasmesso è opera di Dio o del maligno, e trasmettono al mondo qualsiasi cosa, anche testi che potrebbero essere opera di satana. 

Però come detto, molto spesso sono opera delle menti bugiarde degli stessi veggenti, bisogna anche sapere che un veggente non rimane in perfetto stato di veggenza per tutto l'arco della sua giornata e/o vita, così come non lo era un "santo", gli esseri umani hanno sempre creduto che un uomo "santo", lo sia perennemente questo non è affatto vero; il santo dorme, mangia, si lava, va al bagno, espleta i bisogni organici naturali, ha contatti con altri esseri umani, alle volte ha la luna storta, alle volte no, anche i pensieri e le tentazioni di vario tipo, ledono, per cui tutti questi aspetti influiscono negativamente sul suo stato di salute spirituale, se il soggetto deve tener di conto, se deve tener famiglia, ecc, così sono i veggenti o profeti.

Solo Cristo e sua Madre erano/sono senza Macchia, per cui costantemente immersi nella santità, cioè immacolati mentre gli uomini non lo sono, mai, anzi spesso costoro sono ben poco "santi", anche perchè lo sono solo ad orologeria, quando il loro spirito è in perfetta comunione con il Signore, cioè nel momento della comunione, all'assunzione delle specie sacre, questo è il momento in cui tutti gli esseri umani posso dire di essere "santi", cioè quando sono presi da Lui, e questo non avviene sempre, per delle ragioni di tipo umano. Primo se questi hanno anche una famiglia la stessa lede, la loro santità, o la presenza dello Spirito Santo in costoro, i rapporti interpersonali tra moglie e marito, non parliamo se sono sessuali, o con persone estranee della loro vita, li rende passibili, di peccato, ma anche altri fattori di tipo caratteriale, ledono la presenza perfetta dello Spirito Santo, ecc, lo stesso possedere molti averi, che li porta a pensare spesso ai soldi, a dover far di conto, a pensare per le loro attività che proseguano bene, sono tutte cose che ledono enormemente l'aspetto della loro personale santità o presenza dello Spirito Santo in loro, per cui quanto queste cose, hanno leso, questa loro "santità" nessuno spirito, albergherebbe mai in loro, tanto meno lo Spirito Santo, che necessità di una spiritualità estrema per essere presente in una persona, anzi in queste condizioni è molto più fattibile la presenza di demoni, che posso indurre l'uomo a scrivere cose non spiritualmente di Dio, esistono anche i demoni della falsa profezia, cosi come quelli di qualsiasi altra cosa, quindi le ispirazioni non di Dio sono molto comuni, ma che sia satana di suo pugno a scriverle dire proprio di no, sono eventi eccezionali. Quindi molto spesso, i moderni veggenti e forse anche qualcuno di secoli orsono, hanno scritto di pugno loro ed infatti poi i messaggi falsi scritti da umani si vedono subito, almeno io li vedo, sicuramente la gente nella sua sensibilità normale non riesce a cogliere e a distinguere il vero dal falso, per cui accetta tutto come vero è in questo che i falsi veggenti giocano, sanno che la gran massa crede a tutto, per cui lasciano fare, e certamente non si curano affatto delle accuse mosse da altri o dalla chiesa, perchè quello che a costoro interessa è mantenere una aurea di "santità" acquisita, il resto non gli interessa minimamente, ovviamente quando un "veggente" o presunto tale si comporta così, significa che ha, altri interessi che lo affliggono maggiormente, e spesso sono ti tipo danaroso. 

Nessun veggente, santo vero o falso va a dire che nella sua vita ha avuto momento bui, eppure accade a tutti, anche i preti hanno momenti no, ma figuriamoci, la disonesta sta proprio nel fatto di non ammettere che un essere umano può aver avuto dei cali di spiritualità, è una cosa assolutamente normale, che non ci si deve proprio vergognare di nulla, anzi questo aspetto dimostra che sei una persona normale, e che quando Dio lo desidera ti istruisce, ma non sempre un essere umano è preso dallo Spirito Santo, non sempre; sarebbe matematicamente impossibile. 

Io per esempio, ho alti e bassi, alle volte scrivo messaggi e pubblico interpretazioni a gogo, alle volte può passare anche un mese o più che non scrivo nulla o che se ricevo magari non dico o proprio non ricevo nulla, allora pubblico magari vecchi messaggi, ma non li faccio passare come cose attuali. Solo la S.Sma Trinità e la S.Sma Madre di Dio sono perfetti ed Immacolati, nessun figlio degli uomini sarà mai perfetto, tanto meno Immacolato e mai preso continuamente dallo Spirito Santo. Mai!!! 

Le false profezie si scrivono a tavolino, leggendo dal materiale antico e moderno, copiando altri  veri o falsi veggenti, o santi vari, ecc. Fate attenzione, perchè l'uomo astuto trae il suo guadagno da voi che gli credete, vi dovreste sempre porre una domanda, ma Cristo ha venduto la sacra parola che il Padre Suo gli dava? No di certo e perchè mai i presunti veggenti e furbi preti si sono venduti per un pugno di dollari? Chi è veramente di Cristo, dona tutto anche la camicia, non cerca ricchezza e non inganna nessuno! Non fatevi ingannare, perchè questo è il secolo dell'inganno. Rimanete nella Parola di Cristo e quella vi basti, il resto è un sovrappiù che non serve a nessuno.


Per cui attenzione dalla frottole che l'uomo vi racconta.

lunedì 10 aprile 2017

TABERNACOLI, FONTE DI GRAZIE






Messaggio 21 Marzo 2017

Yeshua Nostro Signore il Cristo di Dio: I tabernacoli!

Cari figlioli, il tempo si avvicina, sempre più il mondo si perde, il mondo rovinosamente si allontana da me, vostro unico bene, Vi chiedo Figli miei amati, di venire a trovarmi presso i miei tabernacoli, per restate un po con me, oramai nessuno mi saluta più, nessuno mi desidera più. Vi attento, ogni giorno, ma oramai l'attesa è vana, anche i clero che a me dovrebbe essere riconoscente, quasi nemmeno s'inginocchia innanzi a me, pochi si soffermano a rivolgermi una parola e sempre meno mi credono, ma Io ho speranza, che qualcuno di voi mi ascolti, il mio è un grido di dolore non per me, ma per voi; veniti a consolarmi, a pregarmi, a chieder aiuto a chi mi ascolterà, chi mi amerà sinceramente io parlerò in cuore loro, di quanto vi sta a cuore e vi istruirò secondo quanto è giusto per ognuno di voi. 

Non aspettate oltre, tra un po i tabernacoli spariranno e con essi la mia presenza, in alcuni casi sostituiti con pagani simboli. 
Dove risiederò, se quella chiesa che Io diedi vita non mi vuole più? Per cui figli, che affermate di amarmi, vi attendo, è per il vostro bene che vi parlo, ascoltatemi. Siate forti, perchè le tenebre avanzano, e l'uomo le accoglie a braccia spalancante, pochi si oppongono al divenire, molti si adattano e si arrendono al trasformismo della mia parola che io non ho mai voluto e mai concesso, l'opera di questo mio figlio è molto grata a me, tenterà di dipanare le ombre e far emergere la luce della verità in questo tempo di oscurità, gli ho concesso un grande dono. Ognuno nel mondo ha un ruolo, nessuno è vano. Pregate per non cadere nelle tentazione che il maligno ogni giorno tesse attorno a voi. 

La preghiera più bella è il canto d'amore di un palpito del cuore, che ognuno secondo le proprie sensibilità riesce a dare.

Quindi figli vi attendo presso i mie tabernacoli, e se una chiesa non li ha, non entrare più in essa, io non sono più lì. 

Vi lascio la mia benedizione e quella del Padre Mio Celeste.  

sabato 1 aprile 2017

"VEGGENTI" COPIONI.



Questa vuol essere un atto di sdegno e anche rimprovero verso quanti si dicono veggenti nella verità, ma che poi si comportano ne più e ne meno come falsi veggenti o furbacchioni del momento. 

Dalle mie osservazioni statistiche degli afflussi di quanti leggono i miei 7 blog che ad oggi ha superato il milione di visitatori, vedo che ci sono quasi tutti gli stati del mondo, che mi seguono chi più e chi meno, ovviamente l'Italia è quasi sempre in testa, seguita da Stati Uniti, Germania, Russia, Francia, Ucraina, Svizzera, Irlanda, Serbia, Paesi Bassi, Brasile, Ungheria, Cina, Perù, Venezuela, Argentina, Canada, Belgio,  Spagna, Portogallo, Lussemburgo, Bosnia-Erzegovina, Giappone, Slovacchia, Regno Unito, San Marino, Georgia, Costarica, Grecia, Tunisia, Turchia, Emirati Arabi, Israele, India, Australia, Sud Africa, Etiopia, Isola di Riunion, Costa d'Avorio, ecc.


Ho notato già da un bel po di tempo, che i più diversi veggenti di questo momento, fanno le loro predizioni, quasi tutti subito dopo che io pubblico le mie, da uh giorno dopo a diversi giorni dopo, mi chiedo perchè non fanno le predizioni, messaggi, ecc, prima che scriva le mie, sempre dopo, sopratutto quelle di una certa importanza perchè i messaggi dove non c'è nulla d'interessante, seguono un metro quasi giornaliero, ma quando dicono delle cose interessanti, guarda casa, quasi sempre dopo che ho pubblicato i miei messaggi. Non solo i Medjugoriani fanno questo, ma anche da Anguera arrivano cose, del genere e altri. 

Come ho sempre detto una cosa che rivela a Me non la rivela agli altri, per cui chiedo, com'è possibile che a me riveli qualcosa e poi a ruota se la notizia è interessante ed importante, rimaneggiata anche altri la pubblicano?

Ovvia e connaturata risposta sono una risorsa per i falsi veggenti!
Ecco che quando manca la vena ispiratrice, vengono in aiuto molti altri lidi, menti e profeti che aiutano molto a scrivere e copiare le parole che Dio dona a loro, e i furbi, se le fanno proprie, dimostrando ancora un volta che sono falsi e bugiardi, oltre che non c'è nulla di vero in quanto affermano. Che dire?  Siamo in un tempo dove l'inganno la fa da padrone!

LO SPIRITO SANTO OBBLIGA ?




Qualcuno si chiederà perchè ho posto questo curioso titolo, quasi senza senso, per la verità il senso c'è eccome, bisogna solo far un po di chiarezza. Ho posto il termine obbliga proprio per il senso che ha, lo Spirito Santo obbliga noi umani a far quello che Dio vuole? No, mai! 
Se ci obbligasse, non saremo liberi se dannarci o salvarci e non ci sarebbe neppure più la salvezza divina, non ci sarebbe nemmeno il giusto giudizio, così non ci sarebbe neppure tutta la legge che Dio ha posto sull'uomo, perchè è risaputo e appurato ormai da millenni che Dio ha sempre lasciati liberi i Figli del mondo nel decidere cosa fare delle proprie vite e delle proprie volontà, mai Dio ha obbligato nessuno nel far qualsiasi cosa contro la propria volontà, così non ha mai imposto alla sua Chiesa in ogni tempo di accettare le sue volontà, le ha proposte, le ha sussurrate, le desiderate, le espresse in mille modi e mediante profeti, ma non ha mai imposto ed obbligato nessuno a far nulla di quello che Egli voleva, avrebbe voluto, desiderato che l'uomo facesse la Sua volontà, ma poi ha sempre ripiegato e atteso nel vedere se quell'uomo decise di raccogliere il sasso da Dio lanciato, ha atteso nel vedere se i preti, apostoli, il mondo intero, facesse la sua volontà. Così quanto avviene l'elezione di un pontefice accade! Dio invia il suo Santissimo Spirito e suggerisce di eleggere il suo candidato, quello che secondo LUI, era il miglior per quel tempo, ma poi ha atteso per vedere quanti di costoro lo hanno ascoltato, anche in questo Dio vede, chi è suo e chi non lo è, anche in questo, Egli lascia fare, anche in questo, Dio si ritira quando il collegio dei cardinali vuol far senza di LUI ed eleggere quello che i giochi di palazzo comandano, allora costoro non ascoltano più lo Spirito Santo, ma lo lasciano in un angolo e lo mettono in gabbia, gli tappano la bocca e non lo ascoltano più, facendo la loro volontà, così nel corso della storia sono sorti falsi papi, antipapi, eretici e pure assassini come furono i Borgia, e pochi tra i tanti furono veramente santi, solo pochi, quei pochi erano eletti dallo Spirito Santo, perchè anche gli altri si dimostrarono santi, nel voler assecondare la voce di Dio che da dentro loro sussurrava ai loro spiriti. 

Oggi invece abbiamo assistito ad un elezione, che è stata programmata e voluta da fuori, è stata indotta e costruita da lontano, è stata desiderata da poteri forti esterni alla chiesa e anche da coloro che marciano nel suo seno per ottenere un pontefice non voluto dallo Spirito Santo che essendo un essere perfetto non erra mai, non si sbaglia mai e mai si contraddice nelle sue decisioni, e pone sul soglio pontificio solo il meglio del meglio, non il peggio, come fa l'uomo, quando non vuole sentire la voce di Dio. 

Anche Benedetto XVI esternò dicendo che lo Spirito Santo alle volte dorme, alle volte non fa il suo lavoro il suo compito, e anche in questo BXVI ha errato nel suo giudizio verso la terza persona della Trinità, perchè dire che lo Spirito Santo non svolge il suo compito è dire il falso e come dire bestemmiare, non voglio pensare che abbia fatto ciò, ma le sue parole portano a questa conclusione, per cui bisogna sempre star molto ma molto attenti quando si parla di Spirito Santo, perchè esso non ha mai colpa di nulla, Esso mira sempre al bene assoluto e perfetto dell'uomo, è la causa delle grazie che a noi vengono date, figuriamoci se è anche ben che minimamente autore di qualche nostra disgrazia, per cui quel che di male viene a noi, è perchè noi siamo gli ustori delle nostre disgrazie e non certamente lo Spirito Santo, Egli come ho poc'anzi detto ci lascia fare, ci suggerisce ma non c'impone nulla, per cui non è lo S.S. che non fa, o dorme, o tace, ma l'uomo che non vuole udire, non vuole far quanto la sua parte migliore nel profondo gli suggerisce, è l'uomo il ribelle, Dio sempre lo porta su buone strade, il suo operato è continuo, Esso è un lavoratore instancabile, esso si distrugge per noi, non potrebbe mai dire oggi non ho voglia sto a letto dormo, Dio fa sempre anche quando appare non fare, secondo il nostro stravagante ed erroneo giudizio. 

Certamente lo Spirito Santo non ha posto un pontefice che ha nobilitato Lutero, ne che ha fatto la messa in S.Pietro e comunicato  protestanti, ne che ha recitato i vespri con gli anglicani, che che si è genuflesso agli eretici e ai mussulmani, che ha sposato la causa degli Ebrei; si potrebbe andare avanti, per un bel pò e non abbiamo ancora finito, perchè manca tutto quello che farà e le disgrazie che porterà al mondo questo pontefice, per cui lo Spirito Santo non è causa di questa elezione, che è stata totalmente voluta dalla natura umana di stampo nettamente contro Dio. Quindi non si dica mai, che Francesco è stato eletto dallo Spirito Santo, perchè si fa peccato contro lo Spirito Santo e chi fa peccato contro la volontà di Dio, sarà condannato alla Geenna eterna. Si lasci stare lo Spirito Santo, non lo si tocchi mai, perchè gran parte delle volte siamo noi la causa di tanto male, noi che invitiamo con le nostre volontà l'azione di satana sul mondo, come il peccato siamo noi che lo produciamo con le nostre accettazioni, anche contro la volontà diversa dello Spirito Santo, ma Dio è paziente e troppo buono, attende anche che l'uomo commetta peccato, ma alla fin fine è sempre LUI ad aver ragione. Anche nel caso del peccato, lo Spirito Santo prima interviene tentando di impedirti di commetterlo, ma poi se la tua volontà è più forte, ecco che lo S.S, ti lascia stare, perchè la tua decisione di commettere il peccato ha allontanato da se, lo Spirito Santo, così avviene anche nella chiesa, nella scelta del pontefice, e in ogni scelta della vita dell'uomo. E' solo l'uomo che dice no a Dio, solo l'uomo che decide di porre al soglio pontificio chi egli desidera, raramente ascolta la voce di Dio. Se l'uomo di Chiesa o il popolo ascoltasse di più Dio, il mondo oggi non sarebbe così corrotto. 

Quindi come nei periodi bui della chiesa, lo Spirito Santo è venuto a mancare  e la fede nel suo vero Cristo è caduta a favore di Satana, perchè l'uomo si vuol sentirsi libero dal giogo leggero di Dio e legarsi a quello del suo oppositore, che appare ancora più leggero, così leggero che non si deve pensare più a non commettere peccato, non si deve pensare più a non far questo o quello,  così i prelati hanno voluto far da se, ottenendo un pontificato senza lo S. Santo.  Molti avrebbero anche l'ardire di dire che Francesco sia stato eletto dallo Spirito Santo quando tutto il suo operato è pieno di eventi, di parole e bestemmie contro Dio, anche se nascostamente finge di essere di Cristo, ma le sue parole, e suoi gesti lo hanno già ampiamente tradito. Solo un despota metterebbe a tacere chi parla con Dio, per favorire il male che abita nell'uomo che lo cerca, invece di amare il bene nell'uomo che lo porta, questo è il tempo in cui l'umanità è ribelle a Dio, come la Sacra Scrittura dice, come l'apocalisse annuncia, è il tempo dove l'uomo è insofferente alle leggi di Dio che appaiono strette, oggi è il tempo delle falsa parola, è il tempo dove gli eretici appaio santi, e falsi profeti sono apparentemente buoni ed onesti, dove chi sta in Dio deve essere eliminato tacitato, oscurato, fatto fuori in tutti i modi possibili ed immaginabili, resto pazzo e se si può anche ucciso.

Si fanno apparire santi altri, demoni incarnati, truffatori, e millantatori, astuti personaggi che entro e fuori la chiesa, con una parola distorta ma voluta dalle masse secondo le loro esigenze, va bene al popolo, e quindi appaio più santi dei veri umili santi, dove il pagano viene esaltato e dove le religioni diverranno presto una sola, tutto concorre a far si che l'uomo sia sempre più ribelle a Dio e favore di un anti-Dio, che astuto più di un serpente gioca con la parola di Dio, mutandola e distorcendola e facendo passare per eretico chi non lo è, anche Dio se si potesse, questo è il tempo del Falso profeta e dell'Anticristo, questo è il tempo delle bestemmie gridate e di quelle dette facendole passare per cose buone e sante. Ma Dio ha in serbo per il mondo la sua vendetta e la sua ira grande, chi potrà resistergli? Nessuno! 

Non toccate lo Spirito Santo se non volete essere dannati in eterno!!! Ma questo è il tempo che l'uomo lo bestemmierà, è il tempo in cui l'uomo si dannerà per sempre.

Nessuno pontefice è più grande di chi lo manda, nessuno Maestro è più grande di Cristo, perchè uno solo è il Maestro, uno solo è Dio, uno solo è il Sacerdote Eterno, uno solo è il Signore dei Signori, il pastore del gregge, e non ve n'è altro, all'infuori di Cristo, tutti gli altri sono solo semplici pastori che devono  sottostare alla legge eterna, posta e non proposta da Cristo, chi non segue Cristo è fuori di Cristo, non si dica se tu non segui il papa se fuori della chiesa, perchè l'unico a reggere la chiesa è solo e solamente Cristo, senza di Lui nessuna chiesa esisterà più. L'uomo si attenga strettamente al vangelo e non alle interpretazioni di qualsiasi pontefice o vescovo o altro soggetto, ma solo alla parola Santa di Cristo racchiusa nelle parole dei Santi apostoli che l'hanno a noi tramandata, e allora costui è con Cristo, ma chi si permette di cambiare il Decalogo Sacro a proprio uso e consumo, è un anticristo, chiunque esso Sia, anche un pontefice. 



mercoledì 22 marzo 2017

Preghiera di Lode e Gloria

Preghiera per t vita  eterna.




Yeshua Figlio del Dio vivente e Sempiterno:

Cari Figlioli, rendete piena la vostra vita dell'amore che Esce dal Padre Celeste, trabocchi in voi, l'ardore e la purezza, anche se il mondo è nelle tenebre del peccato e della morte, guardatelo con tenerezza, amore e compassione e riscoprirete in esso la vita che Io dono ogni giorno, e che l'uomo non vede più; innalzate le vostre anime al Cielo e chiamatemi. Implorate, sussurrate, con amore con sofferenza e dolore, Io vi ascolto, vi guardo e vi premio. Trasformate le vostre vite in fiaccole ardenti di puro amore. Siate voi le mie lampade ardenti, i mie otri d'olio puro, i miei gigli puri e casti, il mio grano pronto per divenire pane, la mia vigna dalla quale Io Trarrò il miglior vino; siate voi la mia dimora, la mia casa, il mio tabernacolo, affinché io possa trovare in voi un giaciglio sicuro, lasciatemi entrare affinché io trasformi voi in Me, lasciatevi modellare, abbiate fede, ed Io che posso tutto, trasformerò il vostro corpo in Luce eterna, sarete tutti miei, tutti presso il mio Regno eterno. Ricordatevi Figli del Mondo, che Io vi amerò sempre per tutta l'eternità, che voi siete per Me più importanti di ogni stella del cielo, Il Padre Mio e Vostro vi ama infinitamente, non dimenticatevi mai di LUI nelle vostre preghiere, a LUI tutto si deve, a LUI tutto proviene, a LUI tutto è dato, Amatelo come amate i vostri genitori, i vostri amici, fratelli, moglie e mariti, come amate voi, amatelo con tutta la vostra anima e con tutta la vostra forza, con le vostre labbra, i canti di gioia e dolore. Il Mio amatissimo e dolcissimo Padre Celeste perdonerà chi lo ama sinceramente e fa la Sua volontà.

Figlio, ascolta bene le parole dell'angelo che invio a te, e mettile per iscritto, serviranno a quanti desiderano trasformare se stessi in Me e io sarò in Loro, Verità, Giustizia, Forza, Coraggio, Umiltà, Conoscenza, Sapienza, lasciatemi entrare in Voi e io vi farò Luce gloriosa.

Angelo, simile al metallo brillante fuso, tutta luce, le sue ali spargono fiamme attorno e scintille che sembrano disegnare costellazioni, i suoi gesti sono leggeri, lenti e soavi, le sue vesti sono abbaglianti, bianchissime, lasciano una sia di lui, sembra che attorno ad esso ci sia un vortice di aria infuoca, come un tornado. Il volto molto bello maschile, non si distingue colore ne del volto ne dei capelli che sono lunghi e fluenti, ma sono tutti simili al metallo fuso si distinguono solo i lineamenti, gli occhi sono come stelle, emettono lampi, porta nella sua mano un libro con stampato questo “הסודות של אלוהים" penso che significhi i segreti di Dio.

Non dice come si chiama, si volge verso Est e s'inginocchia, con il capo rivolto verso il basso, ed inizia a esporre la sua preghiera cantata, con una voce dolce, maschile, calda, ma per nulla effeminata, io scrivo subito velocemente.

Oh mio Dolcissimo e Santissimo Padre nel Figlio e nello Spirito Santo a cui ogni pensiero è rivolto a Te. T'invoco ti supplico, ti chiamo, ascoltami, Oh mio Amatissimo Padre, Tu mia gioia e mia delizia, fonte del miei doni, io qui prostrato innanzi alla tua Potenza, alla tua Eterna Verità, mia luce e mia gloria, esaudisci la mia preghiera, infondimi quell'amore che trattieni nel tuo cuore, desidero che lo doni a Me, che sia in me fonte di ogni bene, secondo quanto è il tuo disegno su di me, trasforma ogni mia cellula, ogni mia parte, ogni mio pensiero, nel corpo glorioso, rendimi splendente come uno dei tuoi santi Angeli, che siedono presso le dimore eterne.

Ogni volta che dice Io amo solo te, fa un inchino più profondo del capo.

Io amo solo te, profondamente te Amo, Mio Tutto!

Io amo solo te, Padre Sempiterno!

Io amo solo te, Gloria del Padre Celeste Spirito del Mio Signore, Re dei re.

Io amo solo te, Santissimo Figlio del Padre Onnipotente.

Io amo solo te, Spirito Santo gloria sempiterna del Padre Celeste.

Io amo solo te, Madre Eterna, Sposa del Padre, culla del Dio vivente, Madre del Divin Figlio, donami la tua umiltà, il tuo candore, sii tu sempre Madre mia.

Io amo solo te, Spirito del Signore dei Signori, tu sei il Santo di Dio in te la perfezione e l'amore, la gloria siano in me fonte di vittoria.

Io amo solo te, Figlio Gesù speranza di ogni popolo, ardore dell'amore del Padre Celeste, istilla il Tuo sangue nei cuori dei figli che a Te si sottomettono, inondali della tua Grazia, trasforma le nostre vite in un tabernacolo di gloria.

Io amo solo te, mio divin Salvatore
Io amo solo te, mio dolce Signore.
Io amo solo te, mio amore Eterno.
Io amo solo te, mio glorioso Signore
Io amo solo te, mio vittorioso Re dei re.
Io amo solo te, mio Signore dei Signori.
Io amo solo te, mio Cuore Eterno.

Io amo solo te, mio fuoco che ardi nel mio petto, rendimi una fiaccola splendente.

Io amo solo te, mia luce dei miei occhi, che dissipi le mie tenebre e mostri le tenebre nella notte del mondo.

Io amo solo te, mio Signore e Re, che mi avvolgi con il Tuo caldo amore.

Io amo solo te, mia delizia, rimani nei miei pensieri, fissa in essi il Segno del Tuo Martirio, affinché le potenze delle tenebre conoscano chi è il Mio Amore.

Io amo solo te, mia speranza e salvezza, sii Tu il mio Maestro.

Io amo solo te, mia Gloria Eterna, irrora la mia anima, con le tue lacrime, affinché io sia purificato.

Io amo solo te, che sparsi il tuo Santissimo Sangue sulla Croce, segno di sconfitta delle tenebre e di vittoria di tutte le creature a te devote.

Io amo solo te, Albero della vita Eterna, produci in Me frutti che portino il segno della Tua Santità.

Io amo solo te, Mio Signore Dio, Eterno, Padre, Figlio, Spirito Santo e la Santissima Madre tua e mia Regina.

Io amo solo te, Madre dolcissima del Divin Figlio, Sposa e Figlia del Padre Onnipotente Eterno. Onore e gloria, a colei che volle essere Madre del Divin Figlio.

Solo tu, Signore mio Re, Solo Tu, Io amo d'immenso, solo Tu io desidero nel mio cuore, solo Tu io desidero appartenenti in eterno, plasmami e trasformami e rendimi partecipe della gloria immensa.

Tu, solo Tu, a te solo, io darò la mia lode, il mio canto migliore sia per te, il Mio pensiero sia per te Mio Signore, Mio Re, Mio sovrano, Tu solo io riconosco e amo come mio unico Dio.

Ti supplico sii tu nei miei pensieri, donami forza e coraggio, donami fede e certezza, donami amore e verità, donami Giustizia e saggezza, io sarò tuo in Eterno.

Gloria al Signore, nei secoli sempiterni, Gloria alla Trinità santissima, Gloria a colei che creduto nella parola dell'eterno Padre celeste.

Amen



mercoledì 15 marzo 2017

AVER FEDE IERI COME OGGI




Ho proposto tempo fa un quesito su questo messaggio di Medjugorje, chiedendo agli amici di Facebook cosa vi era in questo testo che non andava, ognuno ha detto la sua, 

 Messaggio di Medjugorje, 25 settembre 2015 
Marija
"Cari figli! Anche oggi prego lo Spirito Santo che riempia i vostri cuori con una forte fede. La preghiera e la fede riempiranno il vostro cuore con l'amore e con la gioia e voi sarete segno per coloro che sono lontani da Dio. Figlioli, esortatevi gli uni gli altri alla preghiera del cuore perchè la preghiera possa riempire la vostra vita e voi, figlioli, ogni giorno sarete soprattutto i testimoni del servizio: a Dio nell'adorazione ed al prossimo nel bisogno. Io sono con voi ed intercedo per tutti voi. Grazie per aver risposto alla mia chiamata. "

Uno di loro mi ha dato questa risposta: 

La Madonna prega lo Spirito Santo, certamente, anche se è la Madre di Dio, che ha dato alla luce Gesù bambino Dio, Lei, la Madonna è sempre una creatura di Dio, è un'essere umano..come noi..solo che lui è nata senza peccato originale..perchè doveva dire al mondo il 3 volte santo Gesù. Anche noi quando saremo dinanzi a Dio..lo preghiamo..intercediamo anche noi per l'umanità,,per i bisogni di qualcuno che cè lo chiede. La Madonna prega la SS. Trinità per noi..nulla di strano.


Allora ho risposto in questo modo:

Il termine pregare nella bocca della Madre di Cristo non è inteso come noi lo intendiamo, ma come richiesta di ottenimento di qualcosa, tipo una grazia; non con preghiere, come facciamo noi. Tutti credono che la Madonna preghi il Figlio, lo Spirito Santo e il Padre esattamente come facciamo noi, assolutamente non è vero.


 "Cari figli! Anche oggi prego lo Spirito Santo che riempia i vostri cuori con una forte fede. " il termine prego in questo caso è improprio, semmai sarebbe stato corretto chiedo, invito, porto, ma non prego.


"una forte fede" la fede non è indotta da Dio, ma è un atto di riconoscimento volontario dell'uomo, cioè l'uomo che crede in Dio ha fede, come ho già detto la fede, altro non è che la fedeltà e la fiducia e quindi il credo che l'uomo ripone in Dio. Ma è un atto che ha il suo inizio nell'uomo stesso, quando Gesù parla hai sacerdoti del tempio e chiede loro perchè non gli credono, è come se Egli gli avesse detto perchè non avete fede, cioè fiducia, in Me, è la stessa cose, Cristo parla di credere in lui come se avesse detto fede, è la stessa cosa, e si comprende bene che La fede è un accettazione, una condizione libera che non può essere indotta da nessuno, altrimenti come potrebbe dire Dio, costui ha fede in Me e costui non ha fede in Me, se la fede fosse condizionata dalla sua volontà. Il brigante sulla croce che riconosce, crede Cristo come vero Dio, è perchè lui ha desiderato credere e quindi aver fede, sarebbe troppo facile che la fede fosse indotta, perchè se così fosse tutti coloro che vengono toccati da Dio con la virtù della fede, sarebbero salvi solo per merito di Dio, non certo per merito dell'uomo.


 "Anche oggi prego lo Spirito Santo che riempia i vostri cuori con una forte fede" Se la persona non ha in se, nemmeno il più piccolo briciolo di movimento verso Dio, in lui/lei non nascerà mai il desiderio di amare di Dio, e quel piccolo microscopico movimento sentimentale verso Dio è la fede, se io non desidero amare il Signore non potrò mai dir che ho fede. Qual'è la differenza tra un pagano che adora falsi dei e un credente Cristiano, entrambi hanno fede, entrambi credono, ma uno solo Crede e ha fede nel vero Dio, l'altro adora un dio fasullo, ma entrambi credono in qualcosa, entrambi hanno fede in qualcosa, e quindi dove sta la differenza? Anche il pagano ha ricevuto fede in quel che crede? No, le fede, il credo, è una condizione dell'uomo che desidera di riporre la sua fiducia in Cristo-Dio o una qualsiasi divinità pagana o anche uomo, è sempre lo stesso discorso, cambia il destinatario, Dio salva gli altri non salvano. Ma allora lo Spirito Santo cosa ti dà, in che modo ti aiuta nell'aver fede, perchè te la da? No, ti aiuta a comprenderla, ti aiuta a capire cosa sia la fede, ma non te la può dare, perchè la fatica sei tu che la devi fare, se tu che devi credere, se tu che devi muoversi verso Dio, Lo Spirito Santo ti può agevolare, ma alla fin fine se solo tu a deciderti nel andare verso Dio, solo tu che ti pieghi a Dio, solo tu che sottometti alla volontà divina, nessuno ti impone nulla. Quando S.Paolo di Tarso, venne disarcionato e Dio lo rese cieco, non glie diede la fede, niente affatto, Dio fece in modo che mediante la sofferenza Paolo avesse chiari i suoi limiti, comprendesse i suoi errori, capisse le sue lacune, lo portò in una sola parola a Credere in Cristo, ma non diede a lui la soluzione in piatto d'oro, assolutamente no, se la doveva meritare, con la sofferenza, doveva far nascere in se la fede, il credo, quindi questa frase "Anche oggi prego lo Spirito Santo che riempia i vostri cuori con una forte fede" non è giusta.

Cosa disse Gesù: "Abbiate fede in Dio: a chi dicesse a questo monte Levati e gettati nel mare...". Questo passo sta ad indicare che la fede non ti viene data o regalata, ma che siamo noi a conquistarla, "abbiate fede in Dio" cioè riponete il vostro si, il vostro credo, la vostra fiducia cieca di Dio, quindi  la fede è la tua ricerca di Dio che continua tutta la vita, finché avrai in te il potere di dire al monte di gettarsi nel mare, quando la persona acquisterà la certezza delle fede, farà miracoli, come dice giusto la foto che ho scelto sapere che l'impossibile è possibile.

Chiunque non ha certezza, e chiunque non è in grado di aver il giusto credo, cioè la certezza di fede, non farà mai miracoli, quindi ci vuole sicurezza che Dio fa, quando si chiede, e aver anche certezza di aver ottenuto nel momento che hai chiesto. 


giovedì 9 marzo 2017

Tutti dicono di credere in Cristo, ma nessuno che dica di amarlo!




Chi non ama Cristo non crede nel Padre Suo Celeste!!!

Messaggio di Nostro Signore Yeshua il Cristo di Dio.

Sabato 4 Marzo 2017


"In questi terribili ed angosciosi tempi, in cui molti moltissimi figli, si consegnano nelle mani del avversario, senza nemmeno rendersi conto che così facendo potrebbero non aver tempo di redimersi.  Voi tutti dite di credermi, ma pochissimi mi amano, dove troverò io il cuore che mi vuole in se?

Come potrò aiutarvi e salvarsi, se non mi desiderate e non mi amate nella sincerità? 

Non basta dire Io Dio vi creda, c'è bisogno di amore, c'è bisogno di compassione, c'è bisogno di altruismo, di sacrificio, di amicizia, e tutto questo porta una sola parola Amore, quanti di voi mi amano? Quasi nessuno, a parole tutti siete pronti nel credermi, ma nei fatti le vostre intenzioni vanno altrove, dir che Io sono Dio è spesso per tantissimi fasullo, sono parole vuote nelle vostre menti, voi non amate nemmeno voi stessi, perchè se vi amaste, amereste anche Me, che tutto vi ho dato e tutto vi darò per sempre, ma fate ogni cosa contro voi stessi e quindi contro di Me.

Predicate la parola santa senza però applicarla, vi dichiarate cristiani, ma lo siete realmente?. 

Siete miei apostoli, consacrati, preti? O anche in voi alberga quel credo fatto solo di parole vuote senza senso, non mi considerate uno di voi, realmente esistente, avete un opinione di me, distante, distaccata, quasi che io vi debba tutto, ma se non mi amate nella passione dei vostri cuori, in realtà non mi credete, ed infatti quasi tutti voi, vi consacrate al mondo, date i vostri pensieri, desideri, e affetti ad altri come voi, non sapete sacrificarvi, non conoscete il tenero e vero amore, quello che alle volte provate per ile più piccole creature. Io non voglio molto da voi, vorrei solo che mi amaste come amate le cose che circondano  le vostre vite e vi rendono tanto felici, in questo mondo. 

Sarei felice pure Io, saper che qualcuno tra i miei figli, mi ama più che credermi soltanto, mi desidera come un amico, come un figlio, come un padre, e non solo perchè IO Sono Dio.  
I figli di Dio se sono da Dio, amano credendo. Non potete amarmi e non credermi, se mi amate fate la mia volontà e di chi mi ha mandato, solo così dimostrerete di amarmi. 

Chi sovverte la parola del Padre Mio Celeste, non mi ama e non mi crede, molti in questo tempo di desolazione e di oscurità mi odiano nel profondo dei loro cuori, molti sono tiepidi, e moltissimi sono in balia dei flutti del mondo, altri fingono di essere nella giustizia e brandiscono la spada della menzogna, come se fosse verità. L'uomo non ascolta la mia parola racchiusa nei testi sacri, ascolta i traditori, rifugge verità e Giustizia.
Oh uomo, la tua rovina è su di te, tu sei la causa dei tuoi mali, tu sei la causa della tua distruzione, non sai amare Me, come puoi amare il tuo prossimo!.  
Non tutti i consacrati mi appartengono, come esistono i figli della luce, così esistono i figli delle tenebre, e si sono infiltrati nella mia chiesa, occupando i seggi dei giudici, ma sono giudici di iniquità e vanno in perdizione. 
Rimanete saldi alla mia parola, solo la legge Eterna salva!

Avrei tanto da dirvi figli, ma non serve, perchè non volete più ascoltarmi, la mia parola è diventata pesante come un macigno, perchè le vostre iniquità sono salite fino ai cieli.

Il Padre Celeste è infinitamente buono e paziente, amorevole in tutto, ma quando i suoi figli che Egli Ama infinitamente gli sono ribelli, il Padre come un Buon Padre deve provvedere a correggere i suoi figli, perchè esso non vuole che essi periscano, per cui, vi manda anche le prove. Ma se ancora non comprendete, se ancora e ancora non capite, che tutto quello che Egli fa è per il vostro bene e vi ostinate ad essere a Lui lontani, Egli permetterà alla Madre Mia Santissima di lasciarmi fare, secondo quanto predetto!

Ecco, la terra vi rigetterà, come voi l'avete rigettata, il sangue da voi versato si riverserà contro di voi, essa non vi accoglierà più, essa sarà ribelle a voi, così gli animali, le piante, i venti e le acque, vi rigetteranno, perchè ormai, il mondo degli uomini non appartiene più all'uomo.

Proteggerò chi mi ama sinceramente e chi a me si dona."






domenica 5 marzo 2017

Gesù insegna come ci si confessa.

Come ci si confessa




Oggi giorno sempre più per molte ragioni molti non sanno neppure più come ci si confessa.
Da un lato abbiamo una chiesa che ha svalorizzato la confessione riducendola al fatto che Dio perdona tutto, cosa per altro falsa. Dio perdona se chiedi sinceramente e umilmente perdono e fa di tutto per non reiterarlo, quindi tentando in ogni modo di non commetterlo più.
Ma il problema maggiore sta nel come si confessano i peccati, cioè cosa si dice e cosa non si dice, e cosa il confessore deve dire e cosa non deve dire o chiedere.

(21 febbraio 1981) Una volta Gesù mi ha detto questo:

Colui che si confessa deve essere libero di confessare spontaneamente il peccato, deve essere messo totalmente a suo agio nel confessare il peccato, deve essere portato a confessarsi spesso, con sincerità ed umiltà, ma sopratutto deve sapere che lì assieme al consacrato ci sono Io, che lo guardo, lo ascolto e lo assolvo, mediante il consacrato, senza di me e senza la pronuncia della parola in Mio Nome, nessuno ottiene l’assoluzione.

Il confessore deve essere anch’esso preciso, umile, rimanere in ascolto, attento, comprendere ed amare come amo io coloro che con sofferenza e buona volontà si recano a Me, per ottenere l’assoluzione. Il consacrato deve ben valutare se dare o meno l’assoluzione, tenendo presente che se per caso il colui che si confessa dovesse morire fuori dalla chiesa, sul consacrato cade il danno prodotto alla persona che voleva confessarsi. Quindi siate giusti, buoni e sappiate sempre come procedere al meglio per la salvezza delle anime. Un altra cosa molto importante che il consacrato deve tener presente sempre. Il sacerdote non deve tassativamente chiedere dettagli scabrosi specie in materia sessuale al colui che si confessa, deve limitarsi nel capire quale peccato possa essere stato fatto, quante volte per quanto tempo, ma non cerchi di conoscere particolari scabrosi e sessuali del peccato di colui che lo ha commesso, perché altrimenti è il confessore che fa peccato di curiosità, satana è sempre pronto ad attaccare specie il confessore per rendere vana la confessione e portare lo stesso in peccato grave. Attenzione ai sacerdoti che fanno domande eccessivamente scabrose a coloro che si recano alla confessione, perché costoro spesso, sono soggetti già in loro stessi malati nel loro intimo. E’ da molto che osservo cose brutte fatte da molti nei confessionali, e sono molto, molto stanco”.


Da questa parola possiamo capire come Gesù c’insegna cosa è giusto confessare e cosa il confessore deve o non deve chiedere per attuare una giusta e corretta confessione senza cadere in oscenità, che devono essere evitate, per non indurre curiosità maligne nel confessore.


Bisognerebbe anche che colui che si confessa non si soffermasse troppo in particolari scabrosi che non interessano il confessore, ma che dica umilmente che tipo di peccato se da solo o con altri, ma non c’è nessun bisogno di essere scandalosi, spesso invece chi si confessa anche per proprie curiosità, mette a disagio il confessore, con discorsi atti a provocare e vedere come il confessore reagisce a certi discorsi, su questo punto Gesù mi disse: ”La chiesa prepari delle precise indicazioni, e sia ferrea, su cosa con precisione si deve dire o non dire quando ci si confessa, inoltre in confessionale si evitano chiacchiere inutili, molto spesso, la gente specie le donne, chiacchierano con il consacrato lusingandolo o il consacrato stesso trattiene le donne avvenenti nel confessionale, non si faccia più, è peccato grave che l’un e/o l’altro fa, la confessione è un atto sacro che vi ho concesso per amore vostro, per salvarvi dal peccato, per accogliermi nel miglior modo possibile, affinché tutti possiamo essere salvati con la mia Grazia”

E ancora Gesù disse: “Non c’è uomo che ha potere in se, se il confessore non assolve in nome Mio, l’assoluzione non ha valore, così come la benedizione, l’esorcismo, il battesimo, lo sposalizio, ed ogni altro rito atto a convogliare il Mio potere in quell’anima, senza la ritualità giusta, senza la pronuncia della mie vere parole, la Mia grazia non c’è, ed anzi esso è sacrilego. Si benedica e si assolva sempre, solo e solamente in Mio nome, con le mie esatte parole, chi dispone diversamente e confonde la mia parola, mescendola con parole false, sia gettato nella geenna, questo è il destino di coloro che con astuzia, ed inganno, danno sassi anziché pane, a coloro che con umiltà e afflizione si recano a Me, per ricevere Me e il Padre Mio , un giorno si mescerà tutto vero e falso e tutto sarà confuso, le eresie pulluleranno sulla faccia della terra, sarà questo il momento della grande apostasia, sarà questo il tempo dei pochi santi e tanti demoni che inganneranno molti, ma la fine vi sfuggirà ancora, quando il mondo sarà marcio fin nelle sue radici, allora Io manderò l’angelo sterminatore, poi nessuno avrà più tempo”

Voi figli, pensate di Me che sono infinitamente buono e che tutto vi perdono, ma dimenticate troppo spesso che sono anche un giudice severo, e come tale non transigo sulla legge che il Padre mio Celeste ha posto nell’universo legge che vale per tutti ovunque, anche per gli angeli e per i demoni, voi però non solo la rigettate, ma l’avete anche trasformata come v’è piaciuto di più, ma poi vi mando profeti che cacciate e non credete, li martirizzate come avete fatto con Me, vostro Dio. Usate la mia parola come meglio vi aggrada, interpretate le mia legge come voi volete, non per quello che è, aggiungete e togliete e manipolate secondo il vostro interesse, allora non vi manderò più profeti e sarete dominati da falsi profeti, che inganneranno molti.

I veri profeti io li rendo come miei apostoli, fate attenzione a non essere ingannati, e non ingannare voi stessi il vostro prossimo, insegnando una falsa parola, pensando che sia verità; ponetevi sempre la domanda cosa disse il Padre Celeste, se quella parola corrisponde alle mie parole e a quelle del Padre Mio, allora ascoltate le parole di colui che vi parla, ma se costui vi insegna una parola che non è la Parola del Padre Mio, banditelo da voi, perché opera nell’iniquità. Posso io dire cose diverse dal Padre mio Celeste, No, ma posso io aggiungere cose che l’uomo non conosce che i miei apostoli non rivelarono, al mondo, Si!!!, Io sono un Dio libero nel decidere cosa è bene o non è bene far conoscere a voi, quello che ritengo giusto, per cui rivelo quello che Io ritengo giusto, nel tempo e nel momento, ma tutto è conforme alla primigenia legge che il Padre Mio lascio a voi” 

lunedì 27 febbraio 2017

DOVERE O VOLERE?




Prima di tutto vediamo cos'è
il dovere:

E' una legge morale, che impone di osservare gli impegni, quindi obbliga, qualcuno a far qualcosa verso gli altri.


Volere:

E' un termine che indica, azione, l'ottenere qualcosa, deriva da volontà, condizione di determinazione di un pensiero, imposizione in se stessi di un desiderio, fermezza, è anche indicativo di chi comanda e chi ha autorità.


°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

Da quando la chiesa è sorta, il credente, ma anche il sacerdote stesso, hanno visto nella funzione della messa, lo studio della sacra scrittura un dovere, un obbligo, un qualcosa che si doveva fare per costrizione superiore, invece tutto questo è sbagliato.

La messa o lo studio della sacra scrittura non deve essere inteso come un dovere; nessuno viene obbligato da Dio, a far nulla che non senta proprio, che non viva con piacere e sincera volontà.

Un giorno Nostro Signore Gesù il Cristo di Dio, mi disse:

La più grande lezione di vita è la vita stessa, lo studio della Sacra Parola è importante, ma senza la pratica, senza l'azione di quanto si studia, rimane lettera sterile. Se un uomo non pratica quanto studia, se non desidera con tutto il cuore, quello che fa, se non dice Messa, come un piacere, ma come un dovere e lo percepisce come un obbligo, quello è un cattivo prete.

La funzione religiosa, lo studio, devono essere supportati dall'amore per quello che si fa, ma prima ancora se non ci sono Io nei loro cuori, essi non saranno mai miei apostoli, per quello figlio, quel giorno quando ti nominai mio apostolo, quel giovane prete al tuo fianco mi rispose “io ho studiato tanto, mi sono spaccato la testa per anni, cosa sono per il Signore? “ e Io risposi a lui, “tu sei un cattivo prete”, perché quel prete per quanto si fosse dato anima e corpo per essere uno dei miei, esso non mirava a Me, ma se stesso, nel raggiungere una posizione autorevole nella chiesa, ma nel suo cuore si celava l'inganno, esso mirava ad titolo ad avere prestigio, all'essere importante nella chiesa e fuori di essa, in quel momento esso non era dei miei, ma contro di me. Quanti figli nella chiesa sono così, troppi, perché pochi tra di loro sono gli eletti, e anche fuori della chiesa, tra l'ovile ci sono pecore che agiscono come se fossero costrette, Io non costringo nessuno, amo la libertà nell'agire, amo la libertà dei cuori, non amo la costrizione e il dover essere quel che, non ci si sente d'essere. La fede non è una costrizione, non è un obbligo, ne un dovere, essere miei apostoli non si fa perché io vi obbligo, ne perché la chiesa vi obbliga, lo si sente dal profondo del proprio cuore, che nasce un desiderio di appartenermi; se l'uomo non desidera di essere un tutt'uno con me, prenda un altra via, perché sarà un cattivo prete, un pessimo cristiano. Non ho scelto, apostoli sapienti, ne intelligenti, ne colti, ne studiosi, ma tutti poveri di mente e spirito, perché sono io il loro maestro, non loro maestri di se stessi, ne altri uomini loro maestri, lì ho scelti, per il loro cuore, per le loro attitudini, per il loro rigore e anche caparbietà, sapevo che avrebbero fatto avrei detto loro, anche se uno di loro il più colto, mi avrebbe tradito, sta proprio nella cultura dell'uomo la fonte dei tradimenti, più l'uomo è colto più questo tende a tradire, nell'ignoranza sta il sincero amore, il sapiente, lo studioso, il colto colui che pieno di consonanza umana, si erge sopra gli uomini, Io non volevo una chiesa così, volevo una chiesa povera dei poveri, non una chiesa colta degli stolti, lo stolto non sta nell'essere ignorante, privo di sapienza, ma nell'essere pieno di se. Questa vostra chiesa che avete edificato piena di marciume ed ossa, l'avete voluta contro la mia volontà, avete edificato una torre nel vostro cuore per proteggere voi stessi da me, creato una fortezza, pensando che io non possa penetrarla, tentando di allontanarmi, e ci siete riuscititi, ma con voi avete trascinati l'ovile e fatto diventare freddo ed arido, privo della mia gioia, del mio amore, del mio calore, distaccato e pieno di una sapienza che non mi appartiene, lo avete accecato con le vostre parole, e le falsità che avete mescolato alla mia verità, per rapire le pecore, ma io ho fatto sorgere agnelli ribelli che vi castigheranno. Voi volete il vostro bene, il vostro tornaconto, fingete di essere miei,e vi ergete a giudici fingendo di non esserlo, dite in cuor vostro, ho fatto tanto, avrò molto di più, non mirate alla salvezza delle anime, ma solo al vostro personale bene, codeste vi servono come mezzo per il vostro interesse. Se l'ovile non lo si tiene per amore Mio, gettate la veste e lasciatela a chi è più degno di voi, perché se non vi sentite di essere parte del popolo santo, meglio un ovile con pochi pastori e tante pecore, che un ovile con pastori fraudolenti e pecore come loro. Preparatevi dunque perché nessuno di voi sa quanto arriva il suo tempo e il tempo dei tempi.

Quindi, se non si fanno, le cose con piacere è meglio non farle, nessuno obbliga un credente ad andare a messa, a pregare, a far del bene, nessuno obbliga uno uomo o donna ad essere servo del Signore, Esso non vuole schiavi, esso vuole servi che si adattato al Signore, per loro volere, non perché il Signore li sottomette al suo volere. Egli ci lascia liberi di agire, nel bene e nel male, non pretende nulla da noi, vuole esseri che lo amano sinceramente e fanno tutto quello che è necessario per amore del Signore, non perché si sono fatti un mazzo così […....] questi il Signore li rifiuta e li caccia. Se l'uomo di chiesa si erge in pompa magna sul pulpito sentendosi e mostrandosi come un Dio, anche se buono e bravo il Signore lo abbasserà, perché Egli non ama protagonismi, ma ama l'ultimo e il modesto, l'umile e il debole, non ama chi si mostra forte, ne ama chi si erge a grande, non ama il dottore della chiesa, ne chi usa con maestria la parola, che rimane vuota e sterile, anche se appare sapiente, preferisce il povero e l'ignorante ma con grande spirito, ecco perché scelse gli apostoli tra gli ultimi e non li cerco trai saggi e sapienti. Se l'uomo non ama il Signore nel profondo del Suo cuore e non imparerà a trasmetterlo al popolo, sarà come quel pastore che ha un bell'ovile esteticamente pulito e profumato e ben provvisto di cibo, ma spiritualmente debole e fragile, uno specchio di se stesso. I pastori di oggi creano stalle ed ovili per proteggere gli animali dai lupi, ma questi si travestono da agnelli per farsi accogliere meglio tra le pecore che poi le sbraneranno lontano dalla vista, mentre gli ovili nelle grotte in mezzo alla natura alle avversità insegnano alle pecore e al pastore di distinguere meglio i lupi travestiti, perché nella natura è tutto più duro e tutto più difficile e anche il lupo deve essere più scaltro ed astuto per potersi infiltrare senza essere visto.

Quindi il pastore dell'ovile ricco, si farà confondere più facilmente da quello che sta nella povertà che essendo povero potrà veder meglio chi lo circonda e comprendere meglio chi è il suo nemico.
Non sempre i nemici vengono da fuori, alcune volte sono più temibili quelli che vengono da dentro.

Non pregate, non andate a messa, non aiutate, non spargete la parola, se pensate che Dio vi obblighi, ne deve essere un dovere, ma solo un piacere, se l'uomo non fa tutto per amore, sprecate la vostra vita per nulla, vivete come meglio che potete perché poi non otterrete nulla, solo l'inferno.

Chi vuole essere del Signore lo faccia e non lo dica, non si mostri e non si tiri la faccia, non vada in giro con il volto smunto e afflitto, non si disperi perché le vie del Signore sono impegnative, ma siate sempre contenti ed allegri, anche spiritosi, non vi soffermate nella vostra disperazione, perché il Signore che vi vede nel segreto vi ricompenserà, siate perfetti nella fede e elevate il vostro spirito a Dio per suo Amore, perché solo a Lui dobbiamo tutto, solo a lui dobbiamo la nostra vita.

Guardate nel prossimo e vedrete la vostra gioia, ma date al Signore il vostro amore che sia un amore puro di gioa, fate della vostra vita come mi disse, la S.S.ma Nostra Madre un tabernacolo di Gloria.
Insegnate per amore, non per avere, date ed elargite la parola di Dio per amore Suo non per amore nostro, nessuno è obbligato, nessuno deve nulla, nessun dovere abbiamo, nessuno sia costretto, ne per mostrarsi agli altri bravi e buoni, ricordatevi non siete giudicati dagli uomini, ma da Dio che vi guarda e vi pesa.


Andate a messa, solo se lo desiderate, solo se amate il Signore, ma non deve essere un dovere imposto da nessuno. Se l'uomo non prova amore per il Signore non finga, sia se stesso, arriverà il suo momento, il Signore tocca l'animo umano quando è il momento giusto. Molti si pongo infinite domande, che non otterranno risposta, solo perché non sentono il Signore che gli risponde in loro, perché i loro cuori sono chiusi al Signore, dicono di amarlo ma non è vero, sono falsi nei loro pensieri e dubbi su dubbi attanagliano i loro cuori, pretendono risposte da altri, che non possono dar loro, per cui brancoleranno per una vita senza una risposta e più la vita per loro avanza, meno sentiranno il Signore, perché sono a lui lontani. Non cercate risposte, tra i mortali, cercate in voi stessi, ognuno di noi le ha già in se le risposte, basta che si rivolga con vera fede al Signore e le otterrà.  

Se l'uomo non desidera Dio in sincerità, lasci stare l'insegnamento della parola Santa, che insegna una bugia, in quell'uomo lo Spirito Santo non c'è.

La chiesa ha sempre insegnato l'obbligo alla legge Divina, il dovere degli sposi, e del cristiano, ma questo è sbagliato, Dio non incute negli uomini paura, non sta sopra di loro come un avvoltoio, non impone nulla a loro, non li schiaccia, e non obbliga, ma come un amorevole Padre attende che cambino e comprendano, non vuole inculcare a loro un dovere, ma vuole che essi siano liberi di desiderare di amarlo, quindi deve diventare un piacere, una gioia di amare il Signore, nella più totale libertà, l'uomo non si deve sentire schiacciato ma amato e amare il Signore secondo il suo cuore, non secondo precetti degli uomini. 

Così lo sposo e la sposa, non devono amarsi, ma devono essere amati e amare l'un l'altro.


In entrambi manca uno essenziale, non mettere le corna, chissà come mai manca? 
Alcuni tra questi sono veramente assurdi, per non dire veramente poco produttivi.
Si vede che sono stati scritti da una mente maschile, non certamente con il supporto femminile.


Questi regolamenti sono precetti di uomini che pensano di conoscere la mente di Dio, ma in realtà conoscono solo i loro desideri, e li impongono come se fosse Dio a dirli, dettiamo regole morali che l'uomo ha scritto per il suo vivere.

L'amore non è un dovere è un desiderio, di donare amore e ricevere amore, il dovere è una parola maligna, perchè impone ed obbliga facendo diventare antipatico l'amore sincero e libero.
Non esiste solo l'amore tra la sposa e lo sposo, ma anche tra Padre, madre e figli, tra amici, Cristo amò anche i peccatori. 


Il dovere è una parola aggiunta dagli uomini alla parola di Dio, ma Cristo non ha mai parlato di dovere, ma sempre di volontà e desiderio di far il bene, non di obbligo, non di dovere, la sua parola non è un imposizione, Egli amò, ma non obbligò nessuno a seguirlo, ma attese che lo seguissero.

Quando disse agli apostoli di seguirlo non era un imposizione, era una richiesta nella più totale libertà, ma nelle sue parole Gesù fa capire che di quegli uomini,  Esso sapeva già che lo avrebbero seguito, perchè conosceva già quello che avrebbero fatto, ma lasciò a tutti libertà di agire, come fece anche con Giuda iscariota, poteva fermarlo, ma lo lasciò fare, oltre a adempiere al suo destino.

Dio offrì a noi suo Figlio Yeshua il Cristo, per amore nostro, non per obbligo verso di noi, Egli non ci doveva proprio nulla, lo ha fatto per donarci la salvezza, per liberarci dalla morsa del dovere. 
Cristo non impose a nessuno di far nulla, così non lo fece il Padre Suo. Neppure la Madre Immacolata mai impose nulla, lasciò e lascia sempre libertà di agire e decidere; mai il Signore impone nel dovere. In paradiso non esiste un dovere, ma esisto solo un piacere, un amore, un desiderio profondo di far la volontà del Signore. Se esistono i giudici umani che possono giudicare anche gli angeli significa che anche questi alle volte possono sbagliare, per troppo amore verso di noi, e questo significa che non esiste nessun dovere, ma solo amore verso il prossimo e prima di tutto verso il Padre Celeste, perchè se fosse un obbligo non sbaglierebbero, per cui ancora loro sono liberi nell'amare Dio e Lucifero ne è un esempio.

Lucifero pensa di essere obbligato cioè di dover far quel che faceva per volontà di Dio, no, fu questo il suo errore; Dio voleva solo da lui come da tutti solo amore, incondizionato, libero da ogni dovere, ma solo vero piacere, vero amore, vera e sincera sua volontà, fu questo il principale errore, che poi mosse la ribellione e il volersi ergersi sopra Dio e sentirsi un suo pari.  

Attenzione alle parole devo e non voglio, non è un obbligo non è un dovere imposto, noi vogliamo, noi desideriamo, noi fa piacere perchè amiamo sinceramente.. 

Quando diventa un dovere si cessa di amare in sincerità!

I Santi non amano il Signore, perchè è un obbligo cioè per dovere, ma per un piacere, perchè loro delizia, lo vero e profondo amore. 

Si sparge la parola di Dio per amore, non per dovere!
Chi insegna per amore, insegna due volte.

Se la S.Messa è un dovere non è messa, ma se Essa è un piacere per amore, allora sarà Santa.