domenica 18 settembre 2016

L' Investitura.


L' Investitura


18 settembre 2016, ore 19:00


Oggi Gesù mi ha comunicato quanto segue.

"Caro figlio ascoltami:


L'uomo con la sua piccola intelligenza pensa di sapere quello che Io ho fatto in mezzo al popolo e ai miei Apostoli, non tutto hanno compresero nemmeno i miei apostoli che erano investiti dal Mio Santo Spirito, e voi che non lo siete volete sapere più di loro? Andate giudicando la Mia parola con la vostra piccola mente senza l'opera Santa del Mio Santo Spirito.

Voglio rendere più perfetto quanto sotto l'ausilio del Santo Spirito hai scritto sull'elezione dei miei Apostoli e futuri sacerdoti, integralo nel testo, della mia parola.

L'investitura a capo della chiesa non deve venire per volontà di un'assemblea formata da non eletti, ma solo come Io, li elessi. Se avessi eletto un primo, durante la lavanda dei piedi, avrei fatto il rito dell'acqua solo ad uno, non a tutti, mentre tutti erano degni della mia volontà alla pari, nello stesso modo, perché volli così. Dopo la mia resurrezione, gli apostoli si diedero un capo tra loro, investendolo come feci Io, verso di loro, ma non fu mia la volontà, ma loro. Per cui, anche la chiesa che ha i suoi ministri(apostoli) può far lo stesso. Anzi il vicario regnante deve indicare il suo successore finché è in vita.

Ma se nessun ministro che non abbia ricevuto l'elezione mendiate il rito dell'acqua(la lavanda dei piedi) per Mia volontà può essere sacerdote, vescovo, ne può salire in grado. Inoltre colui che venisse eletto a capo dei miei ministri, deve a sua volta lavare i piedi a chi chi lo ha eletto, per confermali e l'elezione non deve essere segreta, tutti devono sapere chi lo vuole e chi no! Questa è la Mia Volontà perché Io sono stato mandato dal Padre Celeste e la mia parola è legge!


Come i vegliardi riconoscono la Mia deità nel Padre, nel Figlio, nella Spirito Santo, Madre, i vescovi devono riconoscere il loro vicario per Mia volontà, ma Voi siete uomini e tra uomini non ci si inchina, non ci si inchina ai re della terra, perché anch'essi sono uomini mortali, non  dei.

Non intristite i vostri cuori, per quanto vi ho detto, perché il mio giudizio non sia duro con voi. Se, Io che sono Dio con Dio, mi sono chinato ai miei apostoli, per renderli parte di Me, voi dovete chinarvi tra di voi, per divenir parte di Me, chi è in alto s'inchini a chi è in basso, se volete essere come io vi ho detto, servi utili a Me. Non siete qui per vostra volontà, ma per Mia se fate quanto vi ordino. L'uomo in ogni ordire e grado ama sentirsi grande e porsi ai primi posti, il suo cuore si sente grande e s'inorgoglisce quando riceve una nomina, ma chi non si pone come ultimo non entrerà nel Regno dei Cieli.

Riconoscetemi quale Sommo Re e io vi riconoscerò mie Apostoli, e vi darò quanto vi è utile e giusto per rendere grande l'opera del Padre Mio Celeste.


Caro figlio non temere, continua a spargere la mia opera ti sarò sempre vicino, manderò a te tutto quello che ti è utile, avrai sempre la mia parola, sempre le mia protezione, sia chi è nel bene, che, chi è nel male sa mediante te la mia volontà. Ora specifica.

Chiama sempre la mia Santa Madre come tua madre, essa e lo Spirito Santo ti saranno vicini."



°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

Nota, specifica: 

Spiego alcuni passaggi diciamo tecnici, cose che il Signore mi ha indicato.

Come deve avvenire il rito, in senso tecnico, molti diranno, ma se siamo in tanti ad eleggere un pontefice vuoi che tutti facciamo questo, nulla è impossibile, se si vuole, Dio concede l'intelligenza per svolgere questo compito.

Se i ministri elettori sono più di 12.

Si elegge uno tra tutto gli elettori superiori al dodicesimo, cioè in gruppi di 12 fino a 24 se ne elegge uno, che farà il rito per tutti gli elettori di quel gruppo e lo s'investe di questo compito, con un elezione particolare, si procederà ad un elezione con il rito dell'acqua ripetuto 12 volte, in segno dei 12 apostoli, quindi questi 12 ministri elettori investiti dagli altri elettori, lo dovranno fare al pontefice che si decide di essere eletto.
Così il pontefice eletto sarà eletto per tutti e 12 gli apostoli, ed egli confermerà solo i 12 ministri elettori che fanno le veci degli altri da loro nominati.  
Il rito fatto da Gesù Cristo dovrà essere fatto nella formula più antica che la chiesa ha a disposizione. 

Un esempio se i ministri elettori sono 400, si dividere 400/12= 33,4; oppure 600/12=50; oppure 2100/12=175 membri per gruppo,  quindi  uno solo, verrà investito del potere di tutti (33) o (50) o (175) etc, così fa le veci per tutti. 

Solo se il pontefice conferma con lo stesso rito i suoi elettori ci potrà essere spiritualmente unione nella chiesa, se ciò non avviene non c'è unione e il Signore benedirà l'opera solo in parte. 

I sovrani terreni, che sono cristiani, devono(se vogliono) assistere all'elezione-investitura del Vicario o dei  relativi vescovi di ogni stato-regno. Inoltre anche un sovrano terreno può partecipare all'investitura del vicario, dopo che i 12 ministri elettori, avranno eletto il vicario, e dopo che esso li avrà confermati, essi deporranno la loro corone innanzi a Dio, e a chi egli ha conferito il potere, allora i loro regni saranno benedetti dal Signore e la loro casata durerà molto tempo. 







sabato 17 settembre 2016

10 Comandamenti interpretazione di Boanerges

I 10 Comandamenti



Autore: Dio Elohà Yhwh  Adonay
-------------
Interpretazione di Boanerges Yhwhnn
Tempo di stesura due giorni, pari a 18 ore.


Per questa stesura non mi riferirò solo al testo dell'Esodo e del Deuteronomio ma anche a quello Ebraico, sia la versione originale tradotta che quella più diffusa, così da avere esattamente il testo più conforme possibile al vero.



C'è da Dire una cosa, importante come cristiano l'interpretazione dei 10 comandamenti, diventa un po più lunga, visto che è innestata con la tradizione dei vangeli, non si può infatti dire 10 comandamenti senza il contenuto dei vangeli stessi. Mentre per un ebreo questo non esiste, vediamo come si può connubiare tutto insieme in modo succinto e preciso, perché tanto quello che conta è il senso reale della questione senza perdersi troppo in tanti rivoli, spesso inutili. 



Come procedere alla lettura, dato che alcune parti le ho già trattate singolarmente tempo addietro, e quindi non le ho riproposte, ho posto invece i link, per cui appena trovate un link leggetelo, così capirete meglio tutto nell'insieme e poi proseguite.


Ho cercato, di abbreviare, anche se non è facile con un argomento così vasto, diciamo che ho scritto l'essenziale.

Una cosa importante i 10 comandamenti, sono stati dati da Dio in primis agli Ebrei, poi per mezzo di Cristo noi li abbiamo adottati, come base fondamentale dei vangeli stessi, anche perchè essi non si possono disgiungere dai vangeli sono un tutt'uno proprio per le parole stesse di Cristo, che lui non è venuto a cambiare la legge di Dio ne i profeti, e questo significa che Cristo non voleva cambiare o creare una religione nuova , ma semplicemente spiegare meglio e correggere quello che la casta sacerdotale e politica aveva cambiato della legge stessa, adattandola alle loro necessità. Se la parola di Cristo fosse stata diversa dai comandamenti allora noi avremo dovuto adottare solo e solamente i vangeli, ma questo non è, anche perchè Gesù rispetta precisamente tutto quello che l'ebraismo comandava, per cui se Cristo era Ebreo osservante, noi se siamo suoi seguaci dovremo essere come Egli era osservante della stessa legge. Da questo si ricava che Egli osservava il giorno di Sabato come Giorno del Signore come tradizione comandava, e come la Legge di Dio ordinava, non ha mai istituito la pasqua Cristiana in un giorno diverso dalla Pasqua ebraica, ma essa si festeggiava nella medesima festività.

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°


 Versione ebraica diffusa
Traduzione più letterale dell'originale ebraico di Esodo 20,1-14:
« E Dio pronunciò tutte queste parole dicendo così:
Io sono il Signore tuo Dio, che ti fece uscire dal paese d'Egitto, dalla casa del [faraone dove eravate] schiavi.
Non avrai altri dei al mio cospetto.
Non dovrai farti alcuna figura scolpita, né immagine alcuna delle cose che sono in alto nel cielo o in basso sulla terra o nelle acque al di sotto della terra. Non ti prostrare davanti a loro e non li adorare, perché io, il Signore tuo Dio, sono un Dio scrupoloso, geloso [nell'esigere la punizione per l'idolatria]. Per coloro che mi odiano Io punisco il peccato dei padri sui figli fino alla terza e alla quarta generazione mentre uso bontà fino alla millesima generazione per coloro che mi amano ed osservano i miei comandamenti.
Non pronunciare il nome del Signore Dio tuo invano; perché il Signore non lascerà impunito chi avrà pronunciato il suo nome invano.
Ricordati del giorno del sabato per santificarlo. Per sei giorni lavorerai e compirai ogni tua opera ma il settimo è giorno di totale cessazione del lavoro e dedicato al Signore Dio tuo. Non farai alcun lavoro né tu né tuo figlio né tua figlia né il tuo schiavo né la tua schiava né il tuo animale né il forestiero che si trova nelle porte [della tua città] poiché in sei giorni il Signore creò il cielo e la terra, il mare e tutto ciò che contengono e nel settimo giorno si riposò e per questo il Signore ha benedetto il settimo giorno santificandolo.
Onora tuo padre e tua madre affinché si prolunghino i tuoi giorni sulla terra che il Signore tuo Dio ti dà.
Non uccidere.
Non commettere adulterio.
Non rubare [o rapire].
Non fare falsa testimonianza contro il tuo prossimo.
Non desiderare la casa del tuo prossimo; non desiderare sua moglie, né il suo schiavo, né la sua schiava, né il suo bue, né il suo asino, né alcuna cosa che appartenga al tuo prossimo. »


Esodo 20
Deuteronomio 5
[2] Io sono il Signore, tuo Dio, che ti fece uscire dalla terra d'Egitto, dalla casa degli schiavi.
[3] Non avrai altro Dio all'infuori di me.
[4] Non ti farai idolo né immagine alcuna di ciò che è lassù nel cielo né di ciò che è quaggiù sulla terra, né di ciò che è nelle acque sotto la terra.
[5] Non ti prostrerai davanti a loro e non li servirai. Perché io, il Signore, sono il tuo Dio, un Dio geloso, che punisce la colpa dei padri nei figli fino alla terza e alla quarta generazione, per coloro che mi odiano,
[6] 
ma che dimostra il suo favore fino a mille generazioni, per quelli che mi amano e osservano i miei comandamenti.
[7] Non pronunzierai invano il nome del Signore, tuo Dio, perché il Signore non lascerà impunito chi pronuncia il suo nome invano.
[8] Ricordati del giorno di sabato per santificarlo:
[9] 
sei giorni faticherai e farai ogni tuo lavoro;
[10] 
ma il settimo giorno è il sabato in onore del Signore, tuo Dio: tu non farai alcun lavoro, né tu, né tuo figlio, né tua figlia, né il tuo schiavo, né la tua schiava, né il tuo bestiame, né il forestiero che dimora presso di te.
[11] Perché in sei giorni il Signore ha fatto il cielo e la terra e il mare e quanto è in essi, ma si è riposato il giorno settimo. Perciò il Signore ha benedetto il giorno di sabato e lo ha dichiarato sacro.
[12] Onora tuo padre e tua madre, perché si prolunghino i tuoi giorni nel paese che ti dà il Signore, tuo Dio.
[13] Non uccidere.
[14] Non commettere adulterio.
[15] Non rubare.
[16] Non pronunciare falsa testimonianza contro il tuo prossimo.
[17] Non desiderare la casa del tuo prossimo. Non desiderare la moglie del tuo prossimo, né il suo schiavo, né la sua schiava, né il suo bue, né il suo asino, né alcuna cosa che appartenga al tuo prossimo.
[6] Io sono il Signore, tuo Dio, che ti ho fatto uscire dal paese di Egitto, dalla condizione servile.
[7] Non avere altri dèi di fronte a me.
[8] Non ti farai idolo né immagine alcuna di ciò che è lassù in cielo, né di ciò che è quaggiù sulla terra, né di ciò che è nelle acque sotto la terra.
[9] Non ti prostrerai davanti a quelle cose e non le servirai. Perché io il Signore tuo Dio sono un Dio geloso, che punisce la colpa dei padri nei figli fino alla terza e alla quarta generazione per quanti mi odiano,
[10] 
ma usa misericordia fino a mille generazioni verso coloro che mi amano e osservano i miei comandamenti.
[11] Non pronunciare invano il nome del Signore tuo Dio perché il Signore non ritiene innocente chi pronuncia il suo nome invano.
[12] Osserva il giorno di sabato per santificarlo, come il Signore Dio tuo ti ha comandato.
[13] Sei giorni faticherai e farai ogni lavoro,
[14] 
ma il settimo giorno è il sabato per il Signore tuo Dio: non fare lavoro alcuno né tu, né tuo figlio, né tua figlia, né il tuo schiavo, né la tua schiava, né il tuo bue, né il tuo asino, né alcuna delle tue bestie, né il forestiero, che sta entro le tue porte, perché il tuo schiavo e la tua schiava si riposino come te.
[15] Ricordati che sei stato schiavo nel paese d'Egitto e che il Signore tuo Dio ti ha fatto uscire di là con mano potente e braccio teso; perciò il Signore tuo Dio ti ordina di osservare il giorno di sabato.
[16] Onora tuo padre e tua madre, come il Signore Dio tuo ti ha comandato, perché la tua vita sia lunga e tu sia felice nel paese che il Signore tuo Dio ti dà.
[17] Non uccidere.
[18] Non commettere adulterio.
[19] Non rubare.
[20] Non pronunciare falsa testimonianza contro il tuo prossimo.
[21] Non desiderare la moglie del tuo prossimo. Non desiderare la casa del tuo prossimo, né il suo campo, né il suo schiavo, né la sua schiava, né il suo bue, né il suo asino, né alcuna delle cose che sono del tuo prossimo.



Ho tenuto tutte le 4 versioni, così è più preciso.

Userò la Versione ebraica diffusa.

Traduzione più letterale dell'originale ebraico di Esodo 20,1-14:

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°



« E Dio pronunciò tutte queste parole dicendo così:

Io sono il Signore tuo Dio, che ti fece uscire dal paese d'Egitto, dalla casa del [faraone dove eravate] schiavi.


La frase inizia con il verbo Essere.
Non è un caso che sia stata pronunciata così, perché il verbo stesso è uno dei verbi dell'origine, o meglio dire, è l'origine stessa di tutti i verbi. Tutti i verbi prendono origine da questo.
Il tempo ovviamente ne determina il soggetto, e sua posizione gerarchica.
Io” prima persona, si identifica come il soggetto principale, il fulcro di tutto, l'origine. Inoltre la parola IO è composta figurativamente da I e da una O che compongono il numero 10, non è un caso neppure questo.
Ma IO è in realtà formato da I-O in Ebraico= Yod-Aiyn ; in Greco: Iota+Omicron= 10+70
Sono”, cioè indicante se stesso.
Potremo anche leggere la frase così : “Io sono colui che sono, che è, che ero e che sarò” infatti dire io sono colui che sono, identifica la sua persona nel presente, che ero, nel passato, che sarò, e nel futuro ma dire che è identifica un terzo soggetto.
Perché io sono, è il tempo presente, colui che sono , cioè me stesso, nella prima persona, ma dire che è identifica un terzo soggetto, cioè la terza persona di Dio.


Vediamo di spiegare meglio,
Io sono” prima persona verbo essere. Identifica l'Essere, cioè in senso persona.
Colui” identifica sempre se stesso, in lui stesso.
Che sono” rafforza l'essere se stesso.
In pratica dice “io sono me stesso” cioè colui che vi parla e colui che esiste, cioè l'esistente, inteso nel senso di colui che è sempre esistito, l'Eterno.
Poi: “Io sono colui che è”
colui che è” identifica una terza persona ma in questo caso, si parla sempre dello stesso soggetto iniziale”io sono”. Inserito in esso, la terza persona del verbo essere, cioè “E' “ cosa vuole dire, : “io sono colui”, sempre il primo che parla, ma nella figura del terzo, questo significa che in Dio vi sono due soggetti, il primo “colui che sono”, e il terzo“colui che è”
entrambi sono racchiusi sotto “io sono”, che è un essere unico, che al suo interno esiste “colui che sono e colui che è”
abbiamo poi, io sono colui che ero e che sarò”
Sempre sotto l'unicità di “Io Sono” specifica due aspetti che era e che sarà.
Colui che era , indica nel tempo passato,
Colui che sarà, indica nel tempo futuro.
Questa identificazione specifica che Il sono colui che sono e che è, è il Soggetto che non ha tempo, colui che vive nel tempo sia nel passato tanto quanto nel futuro, indica che il suo tempo è sempre presente. Nel passato e nel futuro Egli è presente, ma il presente è già passato ed è il futuro imminente. Questo significa che passato e futuro collidono nello stesso momento, cioè Alpha ed Omega sono sovrapposti, chiudendo di fatto un anello e rendendo il tempo circolare, cioè ciclico.

In pratica sta dicendo che Egli è l'essere supremo che è sempre esistito in cui il tempo non ha motivo di esistere, viveva nel passato quanto vive nel futuro, quindi Egli è costantemente presente in ogni tempo.
Quindi abbiamo che Dio è l'essere unico il primo, ma nel suo essere Unico in esso è formato da altri due esseri, un altro primo e il terzo. Il secondo primo diventa secondo.
Quindi abbiamo il primo l'origine, unico, il secondo che è sempre primo e il terzo, questo fa capire che il Primo-primo è O, il Primo-secondo è X, mentre il Primo-terzo è Y, vediamo di capire chi sono, se il Terzo è il figlio del Primo e del secondo ovviamente il secondo è la Madre del terzo.
Quindi abbiamo O+X = Y; Il Primo-primo è il Padre Eterno O, il Primo-secondo è la Madre Eterna X, e Primo-terzo è il Figlio Eterno Y.
Quindi abbiamo Il Padre Eterno, un essere unico, all'interno del quale vive la Madre Eterna, potremo dire un pari, e il Figlio Eterno. Madre e Figlio eterni sono identici, vivono e coesistono entrambi nel Padre Eterno. Ecco spiegato perché Gesù dice di Se stesso che è nel Padre, che che chi vede lui vede il Padre ovvio.

Perché non esiste il secondo tempo?
Cioè “tu sei?” perché il tempo va in contrasto con io sono e egli è. “ Dio non direbbe mai di se stesso, tu sei. Si riconosce sempre come prima persona e terza persona, per cui la seconda persona è espressa nella stessa parola della prima, perché fa parte della prima persona.

Spiegazione più dettagliata e aggiuntiva sull'Io Sono:

Io sono il Signore tuo Dio”
In pratica si manifesta nella persona unica di Dio, annunciandosi come tale.
La parola Signore si traduce in ebraico con Adonaj=Mio Signore.
La parola Signore significa il più anziano, e colui che sta in alto, colui che domina, che governa, che possiede. Quindi Signore è inteso con un senso assoluto del termine, il più anziano degli anziani, cioè dei 24 vegliardi, colui che governa, domina e possiede, in sostanza è una parola che sostituisce Onnipotente. Inoltre il più anziano è anche il Re, quindi dire Signore è come dire Re Onnipotente. Ecco perché si parla di Elohim che si traduce in dei Onnipotenti, che altro non sono che i 24 vegliardi, sotto messi all'Assoluto Onnipotente.
Dire il “Signore tuo Dio,” è rimarcare la figura che Egli stesso ha presso la corte celeste, Egli E', e si riconosce come il Re Onnipotente dei re Onnipotenti, che dice di se di essere il Dio in senso assoluto del termine. Quindi si identifica nella sua funzione di dominatore, governatore e possessore assoluto di tutto.
L'aggettivo TUO identifica la proprietà, cioè Dio comunica che gli esseri umani gli appartengono.

che ti fece uscire dal paese d'Egitto, dalla casa del [faraone dove eravate] schiavi.” In questa parte in pratica Dio, ricorda agli Ebrei che Egli è stato il liberatore dalla schiavitù egiziana.

Quello che ora interessa è il secondo che in realtà è esteso anche nei due sottostanti.

Non avrai altro Dio all'infuori di me. - Non avere altri dei di fronte a me.”



C'è differenza tra i due?

Dire “al di fuori di me” indica estraneo a mecioè che non appartiene alla realtà di Dio, cioè al suo regno, quindi tutti le creature che non sono più del Regno Eterno, umani, animali, demoni, non possono e non devono essere considerati dei, cioè non si deve rivolgere loro preghiera, ne innalzati a dei, questo è il senso, non li si devi pregare come si fa con Dio.


Perché il termine stare fuori non è inteso solo nella figura di Dio, ma è inteso in senso generale del termine, estraneo alla sua realtà, cioè fuori dal Regno Celeste.

Essendo Dio il tutto ed essendo Dio il Regno, stare fuori indica fuori da Dio, quindi dal Regno.

Mentre “di fronte a me” che sta ad indicare qualcuno che si pone innanzi a Dio che si trova in una posizione frontale a quella di Dio. Ma in questo caso dir “di difronte” sta ad indicare una posizione diversa da quella tenuta da Dio, quindi al suo cospetto nessuno deve porsi come un dio perché oltre a Lui non ne esistono altri riconosciuti da Lui. 

Quindi abbiamo, “al di fuori e difronte a me”, cioè che non appartiene al suo regno, e che non deve stare al suo cospetto, ciò indica che nello stesso tempio, chiesa non ci deve essere l'effige di nessun altra divinità o essere umano, animale etc, che non sia Dio stesso o qualche suo appartenente, perché sempre all'interno della stessa parte, cioè che rientra in Dio, si porrebbe dire “dentro di me” cioè dentro a Dio, intendendo in senso universale del termine, in questo caso tutte le persone della Trinità possono essere egualmente considerate dei, perché sono ed appartengono direttamente alla deità di Dio e da questo punto di vista anche la Madre di Cristo rientra in questa logica, proprio perché sua Madre.

Non puoi adorare nessuno che non sia Dio stesso o una della sua manifestazioni, il resto è vietato!
Si perché il comandamento non può essere considerato un opzione, è una legge univoca, che ti obbliga a sottostare ad essa se ci credi.

Esodo e Deuteronomio sono identici:
Non ti farai idolo né immagine alcuna di ciò che è lassù nel cielo né di ciò che è quaggiù sulla terra, né di ciò che è nelle acque sotto la terra. “

Qui specifica ulteriormente.
E sottolinea cosa puoi o non puoi adorare, quindi prostrarti...
In pratica Dio non vuole che nessun essere umano, faccia immagini o statue di qualsiasi appartenente del Regno eterno, neppure di Dio stesso, ne del Regno terreno, ne del Regno dei demoni.

E' vietato, cioè non si può nella maniera più assoluta creare immagini o statue di nessuno, ne si deve sopratutto prostrarsi ad esse, perché un conto è la fotografia di un genitore non conta nulla, ma un conto è l'adorazione di una statua o un immagine, di qualsiasi essere umano o demone ed anche di esseri angelici.

Si può dipingere o scolpire qualsiasi cosa si voglia, ma non si deve adorare quella cosa che si è dipinta o scolpita, quello che conta è che non si deve adorare quello che l'uomo produce con le proprie mani, che siano statue o che siano dipinti, di uomini, di animali, di dei o di demoni.


Non ti prostrerai davanti a loro e non li servirai o adorerai, perché io, il Signore tuo Dio, sono un Dio scrupoloso, geloso [nell'esigere la punizione per l'idolatria]. “


In questo brano si cela qualcosa di interessante, in pratica sta parlando non solo di statue o immagini, ma anche di esseri viventi, dice: “Non ti prostrerai davanti a loro e non li servirai o adorerai” questa frase è chiara, il fatto che specifichi di non servirli cioè di non portare loro mangiare, da vestire, etc o rendergli un culto, cioè genuflettersi, fa comprendere che non parla solo di soggetti inanimati, ma anche di essere viventi, cioè altri uomini, sta praticamente dicendo che non bisogna adorare, ne prostrarci o inchinarci, innanzi ai Re, principi, Papi, vescovi, neppure agli apostoli ma solo e solamente a Dio, quindi anche a Gesù Cristo e allo Spirito Santo.


perché io, il Signore tuo Dio, sono un Dio scrupoloso, geloso [nell'esigere la punizione per l'idolatria]. “

In questa frase, secondo la tradizione esatta ebraica, il termine viene tradotto in un modo un po diverso che da quello che noi conosciamo, si è sempre insegnato che Dio fosse un divinità gelosa, ma qui nel testo si indica come scrupoloso, perché?

Innanzi tutto, secondo gli Ebrei, la persona di Dio doveva essere intoccabile ed è giusto che sia così, e quindi anche nei pensieri degli esseri umani non doveva sorgere alcun elemento strano che potesse portare l'uomo a considerare Dio in modo diverso, cioè se dico che una persona è gelosa, indico un soggetto che è tormentato da ansie, da dubbi, con o senza giustificato motivo. Per cui è indubbio che Dio non è geloso, semmai è giusta la traduzione che ne fanno gli Ebrei in senso protettivo di Dio stesso nei confronti degli uomini.

Quindi mettere Scrupoloso come elemento è più corretto, perché in essa non c'è nulla di negativo, un soggetto scrupoloso è colui che fa le cose con precisione metodica, in modo diligente, ma le applica con precisione, oltretutto se ci pensiamo bene è proprio così, anche perché troviamo scritto che Dio è lento alla collera se fosse geloso, come scritto, sarebbe più facile alla collera, invece è lento, quindi vuol dire che non è affatto geloso. Quindi personalmente trovo il termine scrupoloso più adatto all'immagine all'identità di Dio che non geloso, e anche per suo rispetto a Dio, ritengo giusto questo termine.

Quindi Dio applica con scrupolo, preciso metodico, la condanna contro chi adora falsi dei, politici, attori, re delle terra, vescovi, papi, etc. Forse a qualcuno sicuramente non piacerà questa cosa dell'adorazione del Vicario di Cristo, ma ricordo che non gli ho scritti io, i comandamenti, ma Dio.

Per coloro che mi odiano Io punisco il peccato dei padri sui figli fino alla terza e alla quarta generazione, mentre uso bontà fino alla millesima generazione per coloro che mi amano ed osservano i miei comandamenti.”

In questo pezzo, c'è anche la condanna, come specifica al discorso ed è consequenziale ad un pensiero, logico, perché dico logico, perché nel ragionare fino a questo punto, la gente potrebbe non piacergli quanto Dio dispone, e potrebbe ribellarsi alle sue volontà per cui Dio mette le mani avanti, facendo capire cosa rischiano anche il ribellarsi. Infatti dire per coloro che mi odiano è proprio indice del pensiero che abbiamo affrontato, che potrebbe generare anche odio, dissenso, malumori, etc, e il Signore dice, “Io punisco il peccato dei padri sui figli fino alla terza e alla quarta generazione” quindi esprime con precisione la sua legge, la sua volontà, in pratica se padri conoscendo la legge del Signore avendola compresa, (perché se non la conoscono, sono scusati) sono passibili di condanna, non solo i padri ma anche i figli di questi fino 3-4 generazione, in pratica se mai una generazione non si interrompe essa viene portata avanti per sempre. Per cui se un su padre cade la condanna di Dio, il figlio poi i nipoti e poi nipoti dei nipoti, avranno su di loro questo peccato, che è era del progenitore, ma a loro volta perpetreranno il peccato nelle generazioni future.

mentre uso bontà fino alla millesima generazione per coloro che mi amano ed osservano i miei comandamenti.”

Questo è chiaro non serve spiegazione.
Invece oggi non solo creiamo statue e immagini, ma le adoriamo, andando nettamente contro al comandamento e quindi di conseguenza ponendoci fuori dalla legge stessa di Dio. 

Questo comandamento ci fa capire un altro aspetto che la chiesa Cattolica non ha voluto vedere, quello dell'elezione degli esseri umani a santi.

Si perché eleggere un essere umano a Santo, significa farlo adorare dal popolo e questo è in netto contrasto con il comandamento, anche perché la chiesa poi promuove verso questo essere umano, tutta una serie di pubblicità o propaganda volta a far adorare al genere umano quell'essere umano, per cui si producono statue, immagini di tutti i generi, pur di promuovere l'adorazione di quell'essere umano, in netto contrasto con quanto dichiarato da Dio nei comandamenti.

In soccorso vengono le parole di Gesù: che disse, “Io non sono venuto a cambiare la legge e i profeti, ma a portare a compimento la parola del Padre mio!” questo ci fa capire che anche per Gesù quella legge valeva perfettamente e anche per Gesù l'elezione di un Santo non era da farsi, proprio perché si adorava un essere umano, nella forma di statua o effige, anche se in suo ricordo.

Quindi abbiamo che, Dio permette, che si può e si deve pregare qualsiasi essere appartenente al regno eterno, da Dio agli angeli e volendo anche gli esseri umani santificati da lui, ma dato che nessun uomo sa a rigor di logica chi può tra gli esseri umani essere stato fatto santo da Dio, la cerchia è ridotta alle sole creature celesti,  ma non si deve e non si può far immagine di nessuno di questi, ne uomini, ne demoni, ne Dio.

Anche se da quando vi è stata la risurrezione Gesù ha tollerato che l'uomo facesse di se stesso (Cristo) delle effige e delle statue , diciamo che Gesù è tollerante e paziente, per cui spesso chiude un occhio e anche due qualche volta. Ma certamente questa proliferazione di statue ed immagini anche sacre ha iniziato a spostare l'attenzione da Dio a tutti i santi, beati e Martiri.

Facendo così, l'essere umano ha occultato Dio stesso, con una quantità immensa di Santi, che spesso e volentieri vengono pregati più di Dio, ovvio che poi s'incorre nell'ira di Dio, perché si va a toccare l'aspetto della sua deità. Cioè che ci tiene che noi umani lo riconosciamo come unico e solo creatore e non sopporta che possiamo aver altri dei che Egli stesso sa essere fasulli, spesso ingannatori, o porre gli umani al suo posto, in questo dimostra la sua gelosia. In ciò ha anche ragione, qualsiasi essere umano , si dimostra geloso delle sue cose, e ancora Gesù ci mostra l'aspetto di essere un Dio geloso, anche nella frase che disse a Pietro, "posso fare delle mie cose quello che voglio?". Come un artista che non tollera che qualcun altro metta mano alle sue opere, così è anche Dio, in ciò dimostra un aspetto fondamentalmente umano.

Quindi in pratica ogni volta che la chiesa promuove l'elezione di un nuovo santo umano, essa non fa altro che occultare sempre più la figura di Dio, spostando di fatto l'attenzione sul quel santo, per cui essa non dovrebbe assolutamente promuovere la santificazione di nessuno, anche perché l'essere umano, nella sua veste di scienza, teleologia, ed altro, non conosce così bene l'animo di una persona che deve essere santificata, conosce marginalmente qualcosa della persona dai suoi scritti, sa quello che può aver fatto, che esteriormente emerge, ma nulla sa di ciò che nel profondo di essa cela. 

Anche perché, proprio per il fatto che nessun uomo conosce l'animo umano, solo Dio sa se quell'essere umano è degno o meno di entrare nel regno eterno, non lo può sapere nessun essere umano, neppure un pontefice. Per cui alla morte dell'essere umano che l'uomo pensa essere stato un santo, Dio stesso, lo giudicherà non secondo il metro umano, ma a seconda del suo metro, e non è detto che quell'uomo avrà la vita eterna, può essere come anche no, e se per caso invece di salvarlo lo condannasse? la chiesa invece elevare alla santità una persona santa, eleverebbe qualcuno che non lo sarà  mai.  Cioè come può la chiesa elevare a santità un uomo che non saprà mai santo? 
Se Dio non lo ha reso santo? Non può, a meno che non chieda con un sistema a doppio controllo, sia appellandosi a persone "sante" che ai demoni, solo così può aver la certezza se quella persona è degna di essere santifica. Non basta, dire vediamo quante opere essa ha fatto, non basta dire quanti miracoli si presume che abbia fatto, anche perché i santi, comunemente detti non fanno miracoli specie dopo morti, perché solo Di dispensa il potere e solo a Dio appartiene. Quindi solo un essere soprannaturale può sapere se quell'essere umano, è santo o no! Le opere che si accreditano a quel essere umano potrebbe mostrare una realtà distorta.

Ci sono moltissimi santi sconosciuti anche tra il popolo, che nessun prete e nessun laico, nessuna Chiesa mai eleverà alla dignità di santi, mai potrà immaginare, che fin da ora si trovano al cospetto di Dio a differenza di tanti preti, che spesso si trovano in beh altri luoghi, come anche il contrario.

Quindi in breve nessun dovrebbe far santi, anche perché Gesù stesso non ha mai dato questa autorizzazione a nessuno degli apostoli; Gesù mai avrebbe pensato ad una cosa del genere, perché contraddiceva la parola della legge antica, che Lui stesso proclamò che non voleva cambiare. Quindi non solo non farsi immagini ne statue, ma neppure sostituirsi a Dio, perché l'elezione di un santo è una funzione esclusivamente divina e non umana. Nessuno ha concesso il permesso all'essere umano di sostituirsi a Dio, nella proclamazione di Santi. 

Oltre a questi, l'uomo di oggi, ha prodotto molti idoli, tra gli uomini abbiamo, cantanti, vip dello spettacolo, della cultura, politici, artisti, veggenti, sportivi, scrittori, filosofi, etc, tutti hanno i loro idolo, tutti hanno il loro "santi" praticamene non esiste più nessuno che non adori qualche essere umano, animale o altro. Come ci sono idoli tra gli uomini così anche tra i demoni, anche se l'idolatria di demoni è antichissima ed oggi come al tempo dei Persiani e Babilonesi ed Egizi, il culto demoniaco sta di nuovo prendendo piede in modo prepotente, espandendosi grazie ad un chiesa che ha trasformato e corrotto la parola sacra a proprio uso e consumo, permettendo proprio a Satana di divenire forte ed Essa essere attaccata e corrotta.


Quando invece di adottare la vera parola di Dio, come fulcro della propria fede, si la gira come un calzino,  si trasforma e modifica ad uso e consumo.


Questo discorso purtroppo  non piacerà a molti, che hanno fatto sui santi un commercio, la stessa chiesa e molti altri soggetti;  però se stiamo ligi e ferrei ai comandamenti questo è quello che dicono, e tutti coloro che la pensano diversamente sono fuori questa logica.

Poi c'è un altro aspetto, interessante e curioso, le statue piangenti sanguinanti etc, come si innestano in questo discorso, si perché il fatto stesso che vengono usate da Dio stesso come monito per le genti fa pensare che in qualche modo esso accetti questa cosa, vediamo di capire per quali ragioni usa questo sistema.

Vediamo di fare un po di chiarezza, stando al comandamento nessun essere umano può fare statue o immagini, quindi il comandamento è rivolto solo verso di noi, non verso Dio, dice che nessun essere umano può farsi immagini per adorarle, ma non dice che Dio non possa usare queste statue o queste immagini per comunicare con gli esseri umani, se Egli stesso volesse, ciò significa che il comandamento è rivolto unicamente verso di noi e non verso se stesso.


Per cui è spiegata la ragione dell'uso delle immagini e della statue quali mezzo per comunicare con gli esseri umani, questo fa capire che tutti i comandamenti sono direzionati unicamente verso gli esseri umani e non verso Dio, beh ovviamente se è Lui il legiferatone questi sono verso gli altri non verso se stesso, anche se sicuramente lo stesso legiferatone si sottopone ad essi, in forma diversa a noi, e il fatto della lacrimazione, sanguinamento della statue ci fa capire, che è così. siamo noi che dobbiamo sottostare ad esse, mentre Dio ne è svincolato.

Questo però fa capire che anche gli altri spiriti inferiori a Dio, sono sottomessi alle stesse leggi, perché lo dice Gesù verso satana quando esso lo provoca, e Gesù spesso risponde 
"sta scritto" questa parola ci fa capire che anche gli angeli e i demoni devono sottomettersi a questa stessa legge

Quindi i comandamenti valgono anche per loro?.

Perché i comandamenti non possono valere per Dio?


Lo si comprende proprio dalla lettura stessa di questi, soprattutto per il primo.
Se Dio dice a noi, 
Io sono colui che sono, cioè se stesso, non lo dice a se stesso, lo dice a noi e agli angeli, se dice  "Non avrai altro Dio all'infuori di me." lo dice a noi non a se stesso.Come la questione della preghiere, Gesù non prega se stesso, come la Madre di Dio non prega se stessa, lo Spirito Santo idem, il Padre proprio non esiste nemmeno l'idea.

Quindi tutti coloro che asseriscono che Dio Padre, Gesù, Spirito Santo, la Madre di Dio pregano, stanno mentendo e dicendo eresie e sopratutto se quest'azione viene fatta dai veggenti, significa o che non stanno parlando con Dio o che stanno mentendo, non esistono altre possibilità cioè o se bianco o sei nero.  

Potremo addirittura dire e stabilire questo come metodo assoluto per stabilire l'autenticità di un veggente, chi dice che Dio o la Madre sua, pregano è un segno chiaro e lampante che essi stanno mentendo o sono preda di satana. 


Di conseguenza nessun comandamento vale per Dio, perché Dio non è sottomesso ad essi, proprio perché esso è il legiferatone assoluto. Anche se per sua bontà, esso si riconosce nella sua stessa legge un fondamento importante non per se stesso, e ne ha fatto un fulcro per tutte le sue creature. 

Quindi Esso è la legge, e come Tale crede in Se Stesso, e al tempo stesso E' fuori di essa. 


°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

Non pronunciare il nome del Signore Dio tuo invano; perché il Signore non lascerà impunito chi avrà pronunciato il suo nome invano. [Anticamente si diceva anche «non chiamare Dio a testimonio per cose vane, futili o false]


Questo comandamento o legge la conosciamo bene tutti...
Cosa possiamo dire che la bestemmia è soltanto se si pronuncia cioè se si emette con il fiato la voce, non c'è scritto se pensi, ma solo se emetti suono, quindi la bestemmia vale solo se è enunciata.

Il termine invano significa senza motivo o senza una ragione logica, una motivazione insensata, identifica un inutilità, uno spreco di parole che non portano a nulla di buono, quindi non indicare Dio quale motivo e causa di fatti puramente umani, come spesso noi diciamo “che Dio ci sia testimone” questo non bisogna dirlo, perché ricade nella bestemmia.

Ma la bestemmia non è solo quella contro Dio Padre e il Figlio ma quella più grave di tutte mai perdonata è quella contro lo Spirito Santo, che in sintesi consiste nel accreditare a Dio , le malefatte degli uomini o di satana, ma non sapendo se queste malefatte sono di satana, meglio non attribuire a Dio nulla, non colpevolizzare Dio in nulla, perché altrimenti si fa peccato contro lo Spirito Santo e tale peccato che è la peggiore e più grave bestemmia essa non verrà mai più perdonata. Nel passato ci sono stati diversi soggetti anche di spicco che hanno scioccamente attribuito a Dio, colpe che esso non aveva.
Quindi anche lo spergiurare ricade nello stesso tipo peccati.


In questo peccato rientra come bestemmia, anche chi inserisce volontariamente o involontariamente nelle preghiere parole atte ad offendere Dio, come è il caso della preghiera per i Cristiani, più conosciuta di tutti, il Padre Nostro a tal proposito vi rimando al link:




°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

Genesi 2

2 Allora Dio, nel settimo giorno portò a termine il lavoro che aveva fatto e cessò nel settimo giorno da ogni suo lavoro. 3 Dio benedisse il settimo giorno e lo consacrò, perché in esso aveva cessato da ogni lavoro che egli creando aveva fatto. 4 Queste le origini del cielo e della terra, quando vennero creati.


Se il settimo giorno è il sabato come da tradizione millenaria ebraica, ciò significa che il primo giorno della settimana era/è la Domenica.  




Ricordati del giorno del sabato per santificarlo. Per sei giorni lavorerai e compirai ogni tua opera ma il settimo è giorno di totale cessazione del lavoro e dedicato al Signore Dio tuo. Non farai alcun lavoro né tu né tuo figlio né tua figlia né il tuo schiavo né la tua schiava né il tuo animale né il forestiero che si trova nelle porte [della tua città] poiché in sei giorni il Signore creò il cielo e la terra, il mare e tutto ciò che contengono e nel settimo giorno si riposò e per questo il Signore ha benedetto il settimo giorno santificandolo.


Perché il sabato è stato benedetto e consacrato a giorno del Signore?
Perché in esso come si racconta in genesi, il Signore terminò le sue fatiche , il lavoro per l'edificazione e la creazione della terra e tutto ciò che contiene, delle delle stelle etc.
Il Signore decise che quello doveva essere in eterno il giorno in cui Lui l'Onnipotente si sarebbe riposato per cui chiede a chiunque gli creda, di fare altrettanto.
Ma questo giorno prenderà poi nel corso dei secoli un grande valore, perché esso diventerà anche il giorno di Cristo Signore, infatti Gesù si identifica come nel Signore del Sabato, Mat 12,8 perché fa questa identificazione


Matteo 12:
1 In quel tempo Gesù passò tra le messi in giorno di sabato, e i suoi discepoli ebbero fame e cominciarono a cogliere spighe e le mangiavano.
2 Ciò vedendo, i farisei gli dissero: «Ecco, i tuoi discepoli stanno facendo quello che non è lecito fare in giorno di sabato».
3 Ed egli rispose: «Non avete letto quello che fece Davide quando ebbe fame insieme ai suoi compagni?
4 Come entrò nella casa di Dio e mangiarono i pani dell'offerta, che non era lecito mangiare né a lui né ai suoi compagni, ma solo ai sacerdoti?
5 O non avete letto nella Legge che nei giorni di sabato i sacerdoti nel tempio infrangono il sabato e tuttavia sono senza colpa?
6 Ora io vi dico che qui c'è qualcosa più grande del tempio.

Cosa intende dire con questa espressione? Il riferimento è ovvio a se stesso, dice “qui” in quel momento, in cui parla con i farisei, intendendo proprio se stesso, che Egli è più grande del tempio di Dio, perché Egli è Dio, il figlio di Dio.

7 Se aveste compreso che cosa significa: Misericordia io voglio e non sacrificio, non avreste condannato individui senza colpa.
8 Perché il Figlio dell'uomo è signore del sabato».


Misericordia io voglio e non sacrificio,” il tono di questa espressione non è un tono pacato, ma Gesù sta dando un ordine, imperativo “io voglio!” in sostanza dice, che nel giorno di sabato, se c'è necessità, si può anche mangiare il pane del tempio, spigolare,nei campi, etc. e che deve essere applica la legge delle misericordia anche nel giorno di sabato. Ma chiede” aveste compreso cosa significa,”? fa capire, che costoro non comprendono in realtà, il vero e profondo senso della parola di Dio, gli sfugge, perché in realtà essi hanno il cuore arido, cioè privo di questi sentimenti buoni, generosi, genuini, di pace, di amore, che dovrebbero caratterizzare coloro che si dicono figli di Dio, invece, usano la legge del Signore contro il Signore, usano la legge di Dio contro Dio e quindi privi di qualsiasi pietà, cioè misericordia. E quindi Gesù specifica che nel Giorno di Sabato esso non vuole il sacrificio, cioè la condanna contro nessuno, perché il sabato è il giorno di Dio, di risposo, ma anche il giorno di misericordia, nel quale Gesù vieta ogni sacrificio.

Il fatto che Gesù vieti ogni sacrificio e ogni condanna di sabato. fa capire che chiunque praticasse condanna e sacrificio fuori dalla sua volontà verrà condannato da Dio. Perché in questo Gesù aggiunge una specifica al comandamento del giorno di Sabato, imponendo con autorità che sia praticata la Misericordia, e vietato il sacrificio, cioè la condanna contro chiunque sia nella necessità. Il discorso è al necessità, perché se non c'è necessità allora si fa peccato, ma siccome il Signore dice di applicare comunque sia la pietà, anche chi non è perfettamente in linea si dovrà comprendere.

Poi specifica che il ” Figlio dell'uomo è Signore del Sabato”
Perché si identifica come Figlio dell'uomo?


E chi è l'Uomo?

Secondo il nostro pensare l'uomo è l'essere umano, ma perché Gesù si dice figlio dell'uomo, vuole veramente intendere che egli è figlio di questa razza umana? No!

Il termine figlio dell'uomo identifica un altro aspetto che l'uomo non conosce, quale che dirsi figlio dell'uomo non identifica essere figlio degli uomini, ma dell'uomo, cioè di Dio, si perché Dio è un uomo, ce lo dice chiaramente la genesi, quando Dio stesso dice di averci fatto a sua immagine e somiglianza, cioè noi siamo simili e assomigliamo a LUI non viceversa, per cui Dio è il vero uomo, Dio è il primo Uomo, se noi siamo fatti a specchio di Dio cioè gli assomigliamo=immagine significa che Egli Dio ha le nostre stesse fattezze, Egli è un uomo, Gesù si fa chiamare il Figlio dell'Uomo, perché Dio è un Uomo di sostanza differente dalla nostra, ma la sua struttura corporea e tutto di se è identico a noi, o meglio dire noi siamo identici a Lui, perché da Lui ci ha creati sulla sua Genetica.

In merito a questo discorso metto il link ad altro articolo da legge sempre tra mie che chiarisce meglio questo discorso.

Quindi Gesù vuole essere identificato come il Signore del Sabato, cioè colui che possiede il sabato, torniamo sempre al significato di Signore, perché si comprende bene cosa significa Signore del Sabato: dire Signore è come dire, Re dei re Onnipotenti. Il Sovrano assoluto. Questo significa Signore, quindi dire il SIGNORE DEL SABATO si identifica nella stessa identica persona del Padre Celeste , Gesù stesso in diverse occasioni lo esprime, che Egli è il Padre, quando parla con Filippo, ma anche si identifica come il Figlio del Padre, si perché c'è una ragione, finché Gesù era in terra nella sua natura carnale e spirituale in esso vi era presente sia la natura di Figlio spirituale che del Padre Celeste, per questo Gesù diceva che doveva fare le opere del Padre Suo, perché nello stesso corpo vivano due spiriti, quello del Figlio e quello del Padre, entrambi operano nello stesso giorno Il Sabato, per cui se il Padre celeste è il detentore del Sabato non lo può non essere anche il Figlio, dato che è Figlio del Padre quindi figlio dell'Uomo.


Quindi Gesù è il Signore del Sabato!

Link della resurrezione..





°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

Onora tuo padre e tua madre affinché si prolunghino i tuoi giorni sulla terra che il Signore tuo Dio ti dà.


Qui non è tanto un comando quando un consiglio, dice di onorare il genitori, il Padre e Madre, perché se lo farai il Signore farà in modo che la tua esistenza sia più lunga, cioè ti darà la possibilità di vivere lungamente la tua vita, quindi togliendoti tanti mali e donandomi anche un buon vivere. Però dobbiamo andare a ritrovo chi sono i Padri della razza umana in questo discorso? Dio, nasconde se stesso, nel discorso, dicendo Onora tuo Padre, in pratica essendo Egli il Primo Padre in assoluto, e colui che ha dato vita a tutti i padri, madri e figli ad Esso spetta l'Onore maggiore, per cui questa frase identifica sia la natura del Padre Eterno, che della Madre eterna e chiede a noi umani di onorali, non solo onorare i nostri genitori carnali, ma anche di onorare i genitori spirituali che sono gli artifici della razza umana, cioè dei progenitori, nella figura del Padre Celeste e della Madre celeste, come ricordo la parola Spirito (Rhua) in Ebraico significa donna, madre amata e anche soffio di vita.

Quindi onorare ha un senso doppio sia i genitori vivi, che i genitori eterni.


°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

Non uccidere.


Qualcuno direbbe che il passo è facilissimo, ma bisogna capire cosa si vuol intendere per uccidere, in quanti modi si uccide una persona?
O anche uno spirito? Perché il termine non uccidere non è identificativo solo per gli esseri umani ma che verso gli spiriti, ovviamente uno spirito non muore, è eterno, immortale ma allora cosa intende?
Semplicemente che uno spirito può essere intimamente ferito, per esempio i riti satanici, o le messe nere, feriscono lo spirito di Dio, se su le specie sacre si esegue un rito satanico, per esempio pugnalare l'eucarestia corrisponde proprio al'atto del pugnalare Cristo, piantare chiodo su un eucarestia significa proprio piante un chiodo sulle mani di Cristo, quindi il danno c'è spiritualmente parlando, ma esso è un danno che poi si riversa verso coloro che lo eseguono, ma comunque sia è una sofferenza che si perpetra verso Dio. 
Una possessione potrebbe portare alla morte spirituale di quel soggetto.

Quindi in quanti modi noi possiamo uccidere una persona?
Non si uccide la persona solo dal punto di vista fisico, ma c'è anche quella psicologico o mentale, anche sociale, anche culturale, la denigrazione ricade in questi tipo di danno, una condanna ingiusta è come uccidere una persona, il sottrarre il lavoro ad un altra cagionando a questa un danno esistenziale che può portarla alla morte, è sempre una forma di uccidere la persona, anche si può esercitare questo uccidendo l'amor proprio, anche il mettere in pubblico le verità di una persona è uccidere la persona, anche le parole uccidono, etc, c'è una moltitudine di eventi che possono potare alla morte di un soggetto, non solo nel fisico, ma anche nell'animo, nella mente, nella morale.


°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

Non commettere adulterio.

Adulterio è un termine che indica una relazione amorosa con una persona differente dal coniuge. Quindi in questo entra chi?


Intanto vediamo di capire a chi si può applicare l'adulterio.
Si dice adulterio solo se esso è accompagnato da un legame tra due persone, di sesso diverso, ovviamente a questo Dio di riferisce. Ma esso per essere tale deve essere un legame di matrimonio, cioè si può verificare adulterio solo se c'è un unione o uno sposalizio Ma può essere considerato adulterio, l'unione avvenuta tra due persone che contraggono matrimonio fuori dalla volontà di Dio? No!

Perché questa parola viene data solo a chi crede in Dio, per cui chi si lega a matrimonio lo fa innanzi a Dio ed è Dio che tiene unito il legame tra due persone. Quindi l'adulterio si compie solo e solamente se i due coniugi si sono sposati mediante rito dove Dio fa da legante tra i due, dove Esso benedice il loro matrimonio. Quindi nel caso in cui i due coniugi si legano a matrimonio innanzi a idoli pagani, o ad un autorità umana, non si fa adulterio, perché per Dio il matrimonio non vale, anche se c'è da dire che se tra i due persone, nasce una vita umana, c'è legame tra i due, ma non c'è matrimonio contratto sotto la tutela e la benedizione di Dio. Per cui quei due, non rispondono e non rispecchiano la volontà divina, per cui questo genere di soggetti non cade sotto la prescrizione di Dio, cioè sotto la sua legge.

Quindi chi è fuori dalla legge di Dio, fa adulterio, ma risponde alle leggi dello stato e alla religione o non religione in cui si è unito in matrimonio, ma non ricade nella legge di Dio, a meno che il soggetto non voglia divenire appartenente a Dio, in questo caso però se uno dei due coniugi, volesse divenire credente in Dio o in Cristo, esso non lo può fare da solo, deve per forza di cose essere entrambi a divenire di Dio, non solo uno, visto che poi la loro vita sarebbe sempre macchiata da peccato, perché il loro matrimonio contratto fuori dalla volontà di Dio, quindi non benedetto, porta a se costantemente il peccato, inoltre il matrimonio andrebbe ripetuto nella sua veste religiosa.

Ora vediamo, chi fa adulterio, oltre che l'uomo o la donna con altra donna o con altro uomo. Cioè non esiste solo l'adulterio, dell'uomo verso un altra donna sposata o non sposata, ma anche verso un altro uomo sposato o non sposato. Quindi chi fa adulterio è solo chi è sposato non chi non lo è, ma chi non lo è fa peccato grave di lussuria, perché poi bisogna vedere se e chi ha iniziato al relazione e chi ha indotto all'adulterio.

L'adulterio, nasce dall'infedeltà in un relazione a due, tra moglie e marito.
Esso si è esteso anche ai religiosi, perché lo sposalizio che costoro hanno contratto con Dio, è passibile dello stesso reato, anzi sarebbe addirittura peggiore, cioè la prostituzione che il sacerdote o la suora possono fare contro Dio, cioè il rinnegamento, il tradimento è in sostanza un adulterio, è sempre un tradimento della fedeltà che si ripone verso un soggetto. Se il religioso, si prostituisce con un altro religioso o religiosa, o con un laico, uomo o donna che sia, fa sempre un atto di adulterio, perché il legame o contratto a matrimonio è sempre fatto sotto l'autorità di Dio. Questo pensiero lo troviamo nei vangeli, quando Gesù ammonisce tutti, compresi i discepoli.

Mat 5,27 Avete inteso che fu detto: Non commettere adulterio28 ma io vi dico: chiunque guarda una donna per desiderarla, ha già commesso adulterio con lei nel suo cuore.
29 Se il tuo occhio destro ti è occasione di scandalo, cavalo e gettalo via da te: conviene che perisca uno dei tuoi membri, piuttosto che tutto il tuo corpo venga gettato nella Geenna. 

31 Fu pure detto: Chi ripudia la propria moglie, le dia l'atto di ripudio32 ma io vi dico: chiunque ripudia sua moglie, eccetto il caso di concubinato, la espone all'adulterio e chiunque sposa una ripudiata, commette adulterio.

Leggendo solo per l'aspetto dell'adulterio, il comandando dovrebbe essere finito lì, invece se leggiamo la parola idi Gesù dice di più, il passo seguente ci parla chiaramente degli atti impuri.
29 Se il tuo occhio destro ti è occasione di scandalo, cavalo e gettalo via da te: conviene che perisca uno dei tuoi membri, piuttosto che tutto il tuo corpo venga gettato nella Geenna. 

I primi si fanno con gli occhi, cioè con i desideri e i pensieri non puri, che portano ad atti ben peggiori e quindi inducono al peccato, il senso del passo è di tener gli occhi lontani da tutto quello che è pornografico, e che induce la psiche ad agire contro lo spirito.

Mentre qui di seguito, dall'occhio che induce il soggetto a cadere nel peccato, si passa alla mano, Gesù specifica la destra, perché se che gran parte dell'umanità era destrorsa e lo sarebbe sempre stata, ma questo discorso della mano è legato l'attività della masturbazione, che Gesù sottilmente vuol far intendere, dicendo se ti è occasione di scandalo...

Mat: 5,30 E se la tua mano destra ti è occasione di scandalo, tagliala e gettala via da te: conviene che perisca uno dei tuoi membri, piuttosto che tutto il tuo corpo vada a finire nella Geenna.

    Perché afferma che la mano può essere uno scandalo, intende dire che la mente spesso, può essere indotta a fare cose scandalose, e a portare scandalo prima su se stessi e poi verso il prossimo. Anche il non dar scandalo ai più piccoli ha la medesima valenza. Quindi qui Gesù fa un preciso e nascosto riferimento agli atti impuri.



Link del passo di Gesù.







°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

Non rubare [o rapire].
Cioè non essere disonesto!

Questo è simile al non uccidere si base sullo stesso genere di principio, e bisogna solo capire in quanti modi si ruba o si rapisce.
Per esempio non p solo intenso come furto di qualcosa, di materiale ma è anche un furto di idee, di pensieri, di identità, di parole, di concetti, chi carpisce ad un altro il suo lavoro, è soggetto e ricade sotto questo peccato. E al giorno d'oggi, questo è un peccato molto comune in tutte la società, quasi possiamo dire dai piccoli ai grandi, dai poveri ai ricchi, dai veggenti al papa, tutti sono presi da questo peccato, non c'è uomo sulla terra che si salvi, perché bene o male si tende a copiare gli altri ad avvalersi, delle cose degli altri, a appropriarsi dei pensieri delle parole etc, come accade a me, molti beneficiamo di quanto scrivo per farlo proprio senza aver la dignità di citarne la font,e quindi indica anche che il soggetto è invidioso e non sopporta che qualcuno meno di lui posso essere di più, per cui si ruba al malcapitato quel che scrive, dice, etc, ma se l'uomo deruba il suo prossimo e lo fa in modo sistematico esso qui su questa terra potrà averne di beneficio, ma nell'aldilà i suoi peccati gli cadranno addosso condannandolo. Ma il furto è vario, si ruba tutto dall'aria all'oro, si rapina chiunque e si rapiscono i beni di tutti, compresi gli esseri umani, oggi come ieri, il traffico di schiavi continua, in modi diversi ma c'è, più o meno legalizzati, ma sempre schiavi sono. Si rapiscono le persone per estorcere danaro, ma anche si ruba il posto di lavoro, ad un altro, si guadagna sulla vita degli altri, ci si passa davanti nella fila alla poste, è un rubare anche quello, o si fa i furbi all'università anche quello è rubare, etc, quindi il senso del rubare è vastissimo forse maggiore che dell'uccidere.
Generalmente gli esseri umani tendono a scusarsi l'un l'altro per sdrammatizzare e sminuire il peso dei peccati, anche la chiesa fa ciò, invece Dio non ragiona così, egli guarda anche il piccolo e l'insignificante, perché dal piccolo poi si arriva al grande.


°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

Non fare falsa testimonianza contro il tuo prossimo.

Qui noi lo traduciamo come “non dire” ma sarebbe errato questo modo di pensare, perché il verbo usato è giusto FARE. sopratutto perché è uno dei verbi dell'origine che genera potere. Quindi Dio esprime con coscienza giusta, e perfetta il giusto verbo che noi scioccamente andiamo spesso a correggere, considerando che chi ha scritto o trascritto non conoscesse le parole giuste per farsi meglio capire, invece sempre Dio usa le parole giuste, siamo noi che come umani non sappiamo il vero senso recondito di quelle parole perché nona abbiamo la conoscenza che ci permette di scrutare e comprendere esattamente il vero senso profondo di quanto è scritto e celato in quelle parole che ci sembrano strane, per cui abbiamo la tendenza di modificare i contenuti, dato che consideriamo più intelligenti di Dio

FARE è un verbo attivo che identifica un azione o meglio dire tutte le azioni possibili.
Sotto al verbo Fare nel concetto di Dio si identificano tutti i verbi che agiscono, Dire non fare falsa testimonianza è intenso come agire, cioè l'azione del fare, cioè non agire nel falso, non produrre un azione falsa, non permettere che il male ti rapisca, che t'induca ad essere falso, non parlare falsamente, noi diremo non dire il falso, però è intese nel vero senso del agire falsamente, cioè di non produrre un azione volta a perpetrare un male verso qualcuno, in questo caso il FARE IL FALSO è non testimoniare cioè non arrivare ad esternare una parola priva di verità.

Quindi in quanti modi si può falsificare una testimonianza o meglio dire un parola, in tantissimi, la menzogna è una delle azioni più comuni tra gli esseri umani, noi mentiamo spesso anche a noi stessi, non volendo per esempio vedere la realtà della cose, che perché alle volte ci piace vivere fuori dal contesto della Verità, che ci fa comodo quella determinata situazione, quindi poi si arriva anche a giurare il falso, perché il comando effettivamente parla di un giuramento, cioè dice non giurare il falso, quindi non testimoniare cose non vere, non vivere nella menzogna, non celare la verità, e tutto questo è sempre rivolto verso il prossimo, perché anche se io celo un verità a me stesso, in realtà è fatta sempre verso il prossimo, perché se io abitassi nella giungla non dovrei mentire a nessuno, sono io e basta, per cui non ho nessuno con cui relazionarmi, e non si farebbe peccato anche se mentissi a me stesso. Quindi questo è un peccato che si esercita solo e solamente in una società, composta da altri individui, con cui noi ci relazioniamo, e quindi alle volte siamo indotti, costretti, dalla situazione a mentire, a celare un verità. Oltretutto coloro che celano falsamente qualcosa prima o poi sbagliano nel loro testimoniare, e si confondono, come diciamo noi “s'incartano da soli”, perché sono soggetti che hanno l'abitudine di mentire, di esternare un verità fasulla. Anche chi scrive libri alle volte anzi spesso si raccontano tante bugie, tante menzogne fatte passare come verità, tra questi ci sono anche quelli che furbescamente si appropriano di testi degli altri, e quindi devono mentire per continuare a rimanere sull'onda.

Fare:


Faccio un esempio o parabola è la stessa cosa: C'è un tizio che riceve dal Signore la Sua parola, la rende nota ad alcuni amici, uno tra questi, prende quella parola e la rende sua, tutto il mondo preso d'ammirazione gli va dietro, proclamandolo profeta, l'amico che aveva ricevuto quella parola, cerca di dimostrare che costui mente, ma a causa della notorietà di questo, nessuno gli crede e passa per bugiardo, falso, mentitore. Quindi crea un danno a chi l'ha ricevuta, psicologico oltre che morale. La chiesa dal conto sua anch'essa crede al mentitore. Con il passare del tempo la fama di costui aumenta, ma esso deve produrre altra parola per sostenere il suo status, e inventa parole che non sono di Dio, quindi studia altri. Un giorno compare sulla scena un tizio,che lo smaschera completamente, la folla inferocita va presso la sua abitazione e tenta il linciaggio, riescono a prenderlo, lo picchiano, per essere stati ingannati, e per aver creduto alle sue parole, ma non solo molti di costoro hanno dato liberamente fondo alle loro casse, arricchendo costui.


Qual'è la morale della storia? La Parola ricevuta, può divenire oggetto di un furto, derubando astutamente un altro e aumentare la propria ricchezza, e usando la menzogna, l'inganno, la cupidigia, si ottiene un grande potere, danaro, prestigio, importanza, ma tutto è sorretto su un inganno e sul furto.
Però questo fa anche capire quante altre vite su quell'inganno, s'ingannano, molti infatti sono coloro che pensando di essere nel giusto, credono a chi mente, perché il mentitore è più astuto dell'onesto ed infatti Gesù ci lo dice, che i figli delle tenebre sono più astuti dei figli della luce, e basta veramente poco per essere figli delle tenebre. Quel che è peggio è che oggi giorno ahimè molti si arricchiscono sulle spalle di altri, molti nel mondo, hanno in loro la disonesta, per quanto si spaccino per grandi credenti, quasi santi. Molti sono anche nella chiesa, molti sono anche tra i sacerdoti, che prendo a destra e manca qualsiasi cosa sia utile al loro tornaconto, in barba a chiunque, anche se fosse a Dio stesso.

Quindi dal furto di un'idea, di una parola, di un progetto, di qualsiasi cosa, si può passare a qualsiasi altro reato, perché poi la cupidigia dell'avere, ti porta a non accettare di dover perdere il tuo status che hai concretizzato anche su un furto o una truffa, per cui poi, si è disposti veramente a tutto, alcune volte si arriva anche ad uccidere.


°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

Non desiderare la casa del tuo prossimo; non desiderare sua moglie, né il suo schiavo, né la sua schiava, né il suo bue, né il suo asino, né alcuna cosa che appartenga al tuo prossimo. »


Il desiderio in se è un atto normale dell'essere umano, noi desideriamo molte cose, ma è un discorso desiderare cose lecite, ed è un discorso desiderare cose non lecite.

Ma cos'è lecito e cos'è illecito?

Cos'è lecito?
Sotto il termine lecito c'è tutto un modo e una regolamentazione umana, ma qui stiamo parlando di quella divina assai diversa da quella umana che se alcune cose comuni ci sono.
Le cose lecite sono quelle considerare giuste e permesse. Cio che è lecito ricade sotto le norme civili, morali ed etiche.

Le cose lecite sono quelle che non appartengono a nessuno, per esempio un fiore in un campo se quel campo non è di nessuno, il fiore può essere colto, da chiunque, oppure se una donna non è sposata con alcuno o non è fidanzata, o impegnata, essa può divenire soggetto delle attenzioni degli uomini, come viceversa.

Gesù pone la domande se era lecito mangiare i fare certe cose il giorno di Sabato specie se nella necessità, e stabilisce che se c'è necessità è lecito!


Cosa è illecito?
Tutto ciò che va contro al morale, l'etica, il buon senso, la giustizia, ma sopratutto la verità.
Quindi potremo dire che ricade sotto questo termine, tutto quello che è illegale.
Dalla bestemmia, alla falsa testimonianza, alla menzogna, la furto, alla truffa, all'omicidio, al suicidio, all'adulterio, agli atti impuri, etc.

Per cui il desiderio può essere lecito o illecito se esso sta nella giustizia o nell'ingiustizia, nella verità o nella falsità.

Quindi il desiderio di qualcosa che non è tuo è un illecito, ma se il desiderio termina lì, e non va oltre è stato solo un desiderio, una tentazione, quindi un peccato minore, ma quando questo desiderio si concretizza ecco che si compie il vero peccato, che diviene grave o gravissimo in relazione al tipo di desiderio che a questo portava.

Questo significa che si pecca anche con il pensiero, non solo con le parole, ma bisogna distinguere se il desiderio è solo puro pensiero e non un assalto infernale, cioè se questo desiderio è indotto da uno scivolone della mente che può accadere, è un discorso diverso, non è un peccato grave, perché esso non passa mediante la volontà, ma se esso, passa nella volontà o è generato da essa e diviene continuativo, cioè si perpetra per nel tempo fino a divenire reale, cioè ossessivo, ecco che il peccato che si determina pur rimanendo un pensiero. Quindi il pensiero ossessivo, perpetrato per molto tempo, diviene peccato anche grave.



Qualche altro link che aiuta meglio alla comprensione dell'Essere Dio!





FUGGITE DA CHI VI ADULA E DA CHI USA CRISTO CONTRO CRISTO.

Attenzione a chi vi omaggia e vi adula!!! Tutti noi siamo felici quando la gente ci fa i complimenti, ma quando questi so...