lunedì 25 agosto 2014

Gesù non ama parole superflue

Gesù non ama parole superflue.


Cari figli.

Mi appello al vostro spirito, ascoltatemi, ricordate che le mie parole sono essenziali, semplici, precise, non amo le parole superflue.. E voi che mentite e credete di sentire la Mia voce o quella di mia Madre, non scrivete, alcuni di voi sono ingannati, altri ingannano.   E coloro che ci vedono e/o  ci sentono, siano prudenti, anche costoro possono essere ingannati e possono ingannare, se il mio Spirito non è in loro.

Quando pregate, ed aiutate il vostro prossimo siate umili, caritatevoli, amorevoli, semplici, docili, generosi, affettuosi, forti, disponibili, compresivi, candidi e spontanei, come sono i miei bambini di tutto il mondo.

Portate in ogni famiglia, il Mio Verbo, insegnate la Verità, ed essa sarà in voi, ed Io poserò la mia parola sulla vostra bocca. Non temete il male, siate certi che Io Sono e sarò sempre con voi, e con chi mi ama.


Pregate, il mondo è nelle tenebre, pregate per la mia chiesa, pregate mia Madre, finché vi è dato tempo.

Messaggio 24 agosto 2014.

martedì 19 agosto 2014

Appello di Gesù!

Messaggio Lunedì 18 agosto 2014.

Caro figlio lascia stare Medjugorje, lascia fare a Me, che tutto posso, le falsità verranno svelate, coloro che sono stati ingannati se mi amano sinceramente, riceveranno lo stesso una grazia perché hanno creduto in Me. Tu prega e fa pregare il mondo, affinché l’uomo sia capace di superare le sue paure, aggrappatevi a Me tenacemente perché la fiumana vi sta per travolgere, il tempo del terrore si avvicina, tutto si compirà; l’uomo non ha ascoltato la voce di una Madre sofferente che ha donato tutta se stessa per questa umanità, essa era la vostra ultima difesa; ora basta, sarete lasciati soli, fra un po’ di tempo, per breve tempo, affinché il disegno del Padre Celeste sia compiuto. Ma chi non si convertirà e chi non ci amerà veramente non potrà godere della gioia eterna. Preparatevi, preparativi, la terra, gli animali si stanno preparando e voi ancora non udite la voce dei cieli, non comprendete gli ultimi richiami, non vedete i segni attorno a voi!? Siete alla deriva, ciechi, privati della colonna portante. Non temete! di perdere le vostre masserizie, temete di perdere la vostra anima, chiedetemi con forza, fede, amore e pietà, chiedetemi lo Spirito Santo che guarisca li vostri mali e vi doni la serinità per superare ogni prova, e non stancatevi di chiedermi, che io abiti in voi, non siate deboli, attendo da voi il vostro sincero si, ora e nel momento della vostra prova più grande!

Pregate molto per la chiesa dei miei santi e martiri, per le conversioni, per i sacerdoti e ministri presi dal maligno, per gli apostoli che verranno, per tutti gli uomini offritemi digiuni, per loro e per quanti mi affidate ogni giorno, aiutatemi a sopportare tanta agonia e angoscia che sale a Me, ho bisogno delle vostre preghiere, ho bisogno del vostro amore, ho bisogno della vostra certezza nelle fede. Molti miei figli mi tradiranno, non fatelo, ho fiducia in voi!!!  

giovedì 14 agosto 2014

Pentimento


Risposte secondo il magistero:“Il solo sapere che certe azioni non piacciono al Signore e sono condannate dalla Chiesa è già motivo sufficiente per dire che si è pentiti.”

La chiesa ritiene che tale espressione sia giusta, invece non lo è….

“Il solo sapere “  è sufficiente sapere che il Signore ha in abominio i peccati, è sufficiente per sentirsi perdonati?
No!

Non basta sapere che il Signore è contrario al peccato, per cui chi si pente teoricamente sia già assolto, No! Per aver il pentimento vero reale e spirituale, bisogna non commettere più quel peccato, come infatti chiede il Signore, “va e non commettere più” il non commettere più è inteso in termini definitivi e non provvisori, cioè non bisogna agire più, altrimenti si reitera il peccato e il pentimento diventa aleatorio e bugiardo. Non esiste pentimento a parole, esiste il pentimento nei fatti. La confessione viene meno, se chi si confessa reitera il peccato. Anzi il confessarsi e poi commettere nuovamente peccato in stato di grazia, è come fare un peccato più grande del peccato stesso che si compie, perché si va contro la grazie ricevuta e si danneggia la grazia, cioè si fa peccato con lo Spirito Santo che è in noi.


Risposte secondo il magistero:“Se il pentimento fosse anche solo dominato dalla paura di andare all’inferno, sarebbe già un pentimento sufficiente. Nel Sacramento poi il Signore farà il resto e perfezionerà il pentimento stesso, facendolo passare da un timore puramente interessato (non andare all’inferno) ad un pentimento più puro: la consapevolezza che quei peccati hanno causato la passione e la morte di Gesù.”


Questo può avvenire solo se il pentimento è reale non fittizio e se esso non è reiterato…

mercoledì 13 agosto 2014

Se mi amate fate ciò che vi chiedo!

 Se mi amate fate ciò che vi chiedo!


Messaggio 13 agosto 2014 ore 21.

Gesù.

Mi desiderate figli?
Chiamatemi, supplicatemi, invocatemi, prostratevi a Me, pregate  figli, pregate con insistenza, con desiderio, con tenacità, non si affievolisca la vostra preghiera, sia sincera, vera, forte e santa, affinché Io oda la vostra voce, dolorosa, così io verrò a voi, vi proteggerò, vi consolerò, vi amerò, vi darò il mio perdono per i vostri molteplici peccati. Per quei peccati che avete riversato nel mondo a danno di esso, della mia creazione e delle mie creature. Se mi amerete vi amerete, ed io sarò il vostro Emmanuel, vi guarirò, infonderò lo Spirito Santo e costruirò in voi la mia Santa Casa.
Alle porte, avanza la morte, avanza il terrore, siate pronti, pronti, pronti, per il giorno e per l’ora, nella preghiera, forti e saldi, create piccoli nuclei di amici, familiari, che vivono nella mia pace, che non è la pace del mondo, non è la pace degli uomini. Grandi prove vi attendono, ma solo con il mio aiuto potrete uscire vittoriosi, solo con il mio amore, con la mia fede, che pongo nei vostri cuori, avrete la forza e perseveranza di sopportare il destino che l’uomo ha voluto e cercato su di se. Non correte come disperati in ogni dove, io sono con voi sempre, chiamatemi, amatemi, supplicatemi, vi darò tutte le grazie che vi sono necessarie, ma fate la mia volontà. In ogni chiesa dove vi è una lampada ad olio accesa, lì sono Io. Venite con cuore contrino, venite con le vostre piccole e grandi miserie, venite con il carico dei vostri peccati, Io vi monderò, vi laverò alla sorgente della vita, che scaturisce dal mio Sacro cuore. E voi sacerdoti, non rifiutate nessuno che si accosti alla Santa confessione, perché io punirò voi, anche se colui che si accosta fosse il più grande peccatore, con il peggiore dei peccati,  se Io vostro Signore, figlio dell’Onnipotente ed Altissimo Padre, ho perdonato tanti che giacevano nella miseria di peccati orrendi, chi siete voi che non dovete farlo, accostatevi a costoro, amandoli e correggendoli, ma tenete le vostre curiosità fuori, ascoltate le loro voci, sia mantenuto il riservo, io li conosco dal profondo delle loro anime, se si voglio rivelare, lo faranno altrimenti non pretendete di sapere, sono io che vedo, sono io che assolvo, mediante voi…riempite le chiese, non fuggite, ritornare al vostro lavoro, finche vi è dato tempo, perché quando non ce ne sarà più, anche voi sarete torturati dal rimorso per non aver salvato tante anime disperate, allora periranno i buoni e cattivi assieme a voi.

Figli siate sinceri, nei vostri pensieri, non dite tante parole, io consoci i vostri cuori, i vostri pensieri, non tentate di sminuire le vostre colpe, perché esse mi parlano di voi, siete per me un libro aperto, come lo sono i miei angeli, non c’è creatura che io non conosca i più nascosti pensieri.

Venitemi a trovare spesso, sono sempre più solo, lì nel tabernacolo, i bimbi di un tempo che mi chiamavano non ci sono più, i bimbi puri che mi amavano dove sono? Avete sporcato anche loro, con i vostri turpi pensieri, con la vostra società perversa, guai a quelle genti, che uccidono i miei piccoli figli, guai a costoro, perché l’Eterno Padre manderà un fuoco che li divorerà! Tenete i vostri figli, come fiori giglio, con agnelli casti, amateli come io e il Padre, li amiamo, sono coloro che un giorno sorreggeranno voi, se sarete stai capaci di amarli. Non strappate i vostri figli, a Me, nelle mie mani è il destino del mondo, nelle mani è il destino particolare di ogni di voi. Ma nelle vostre mani, sta la vostra condanna. Non sono Io che vi condanno, ma voi condannate voi stessi, Io attuò la condanna, ma essa parla per voi. Fate appello alla mia misericordia, gridate a me pietà, allora se vedrò sincerità in voi, muterò la condanna. Ho posto delle leggi precise, non tollererò che sia mutate. Non alleggerite la legge, per mandar in perdizione le anime. Una legge ferrea e giusta salva molti, una legge leggera e tollerante manda molti all’inferno.
Un padre saggio, sa quando fermarsi, un padre stolto, punirà senza senso.

Perché chi è saggio usa l’amore, chi è stolto usa la ragione.

All'Islam!!!

13 agosto 2014

All’Islam.

Il Padre Eterno.

Figli,  se come dite mi amate, mi desiderate, fermatevi, arrestate le mani di coloro che segneranno la vostra condanna, la vostra rovina. Non seguite il re del terrore, non dategli potere, altrimenti anche voi sarete distrutti da esso. Volete vivere o volete perire! 

La Mia Figlia, Sposa e Madre sta tenendo il braccio di mio Figlio, ma non ancora per molto….

Quando scenderò con potenza tutta la terra sarà sconvolta, allora nessuno potrà dire di non essere stato avvertito.

Chi ha terra, sopravvivrà.

Chi ha terra, sopravvivrà.

Messaggio. 12 agosto 2014.

Figli degli uomini ascoltatemi..
Voi mi cercate, per avere da me ogni cosa, ma non mi amate, mi pregate, ma continuate a commettere peccato, la Maddalena quando si convertì, e si penti della sa vita dissoluta, non tornò più a peccare, e face ogni cosa in suo potere, per rimare casta e pura; quanti di voi figli credenti, riescono ad eguagliare la Maddalena? Voi tutti, vi pentite per modo dire, ma in realtà appena lontani dal confessionale, tornate ad essere quelli che siete sempre. Pregate e contemporaneamente peccate, ripetete all’infinito questo gesto, fino al vostro ultimo respiro. Se non fate ciò che Io ho comandato ai miei 12 apostoli, non entrerete nel regno eterno. Non dite il Signore ha una misericordia più grande della sua giustizia, ciò non è vero, la mia Giustizia sta nel mio verbo, Io sono Giusto giudice di misericordia, e il mio giudizio può essere una condanna o una salvezza, ma sta solo a voi, ottenere la salvezza.

Vi circondate di cose inutili e futili, bramate a racimolate ricchezze, ma arriverà il giorno che le vostre ricchezze vi saranno tolte, che il danaro non avrà più alcun valore, allora chi vive tra i monti e possiede terra, potrà sopravvivere dei frutti, durante il periodo della grande carestia che sta per giungere, creata da uomini malvagi e della natura che rigetterà sui figli degli uomini i vostri molteplici peccati.

Armatevi di fede, sapienza, pazienza, siate semplici, nel vostro vivere, come era la mia famiglia su questa terra. I tempi che si preparano sono fatti per i forti e coraggiosi, per coloro che non temo il sacrificio e amano il prossimo come se stessi. Ma solo assieme a Me, potrete superare tutto quello che verrà! Abbiate fede, io sto preparando un posto per chi mi ama, mi segue e mi crede, ed avrà la forza di resistere fino alla fine.

Non turbatevi per conoscere quando io tornerò.
Non cercate di capirlo.
Non è scritto in nessun luogo, ne mia madre lo sa.
Più i tempi avanzano, meno potrete beneficiare della mia parola, essa sarà sempre più rara, ad un tratto sarete soli e tenebre riempiranno il mondo. Ma ciò durerà poco, il tempo necessario che le genti nel loro ultimo respiro possano ancora salvarsi.
Poi all’improvviso tutto non sarà più come prima.





martedì 12 agosto 2014

Martirio e salvezza eterna!!

Martirio e salvezza Eterna!!

Messaggio 12 agosto 2014

La Vergine appare, vestita in abito bianco, il suo volte è molto triste e solcato da lacrime, sotto i piedi si intravvede un figura oscura serpeggiante, tiene nella sua mano destra un cuore che sanguina, ma brucia, ed ogni goccia che cade diventa fuoco, sento tuoni e voci nel cielo.

Figli mie amati, vi guardo dai cieli eterni, sgomenta e prostrata dal dolore, per le tante anime martirizzate, tanti bambini innocenti gridano al Mio Signore, “Fino a quando”; le quali, grazie alla loro fedeltà al Nostro Signore, leniranno le ferite, che tante anime, procurano giorno e notte, con i vostri molteplici peccati. Ogni giorno supplico il mio Gesù, di attendere ancora un po’.
La salvezza passerà ora per mani diverse, per mani imprevedibili.
Mi chiedete la pace, ma come posso aiutarvi se nei vostri cuori non c’è verità!
Mi chiamate ma non volete abbandonare i vostri peccati, i vizi; pretendete dal Mio Signore, ogni bene, ma non mi chiedete di rinunciare ad un solo vostro bene, per l’amore di tante anime.
Vi chiedo sacrificio e mi date peccato, vi chiedo preghiere e mi date sassi. Sento elevarsi dalla terra non un canto sincero, ma timore di perdere le vostre vite, le vostre ricchezze, nessuno è disposto a sacrificarsi per amore di Mio Figlio Gesù, nessuno di voi popoli ricchi, si sa, sacrificare per i fratelli, voi volete la pace, non per la vita eterna, ma per la morte eterna. Per tanto sarete gettati nella povere da coloro che per secoli avete oppresso, diverranno i vostri padroni, fino a quando non saprete donarvi con sincerità e sacrificio in nome del mio Signore Gesù.
Guardate il cuore del Mio e Vostro Signore, ferito per i tanti peccati, che sanguina, così diverrà il mondo, sangue e fuoco lo purificheranno; ma voi temete il martirio, perché nei vostri cuori, non credete sinceramente, che Dio può tutto….  Dovreste temere la morte dello Spirito….
Popoli che abitano terre lontane son più degni di voi, nel ricevere la palma della vita eterna, e voi, che conoscete bene le scritture cosa avrete?
Quanti cristiani rinnegano l’amore dell’eterno Padre, Figlio, Spirito, quanti volgono il loro sguardo dall’altra parte, quanti si vendono a satana per non perdere la ricchezza terrena, quanti sono disposti realmente a perdere le proprie masserizie, per ottenere la salvezza di molti?  
Desiderate la vita eterna! e fuggite la morte eterna! donatevi con sincerità, ai vostri fratelli, e tenete alto il vessillo del Re della Gloria.
Chi non attraversa la sorte del Mio Figlio diletto, non arriverà alla gioia della vita eterna.

Vi amo e vi chiedo di essere veri credenti fino alla morte!+

domenica 10 agosto 2014

Dio Trinità consacra il suolo Italiano a Sacro!

Messaggio 10 agosto 2014.

Cari figli miei amati, Sono il principio e la fine, Colui che è, era e sarà, il Padre nel Figlio (Gesù).

Sono qui per annunciarvi la mia decisione di rendere il suolo della vostra patria Italia, Sacro, così ho deciso e così sia, il Mio ordine è, a tutte le potenze dei cieli, della terra e sotto terra.

Così ho deciso e così stabilisco fino al Mio ritorno!




venerdì 1 agosto 2014

LE 5 REGOLE D'ORO DELLO SPIRITO SANTO!

RIASSUNTO GENERALE SU COME SI COMPRENDE L’AUTENTICITA DI UN TESTO PROFETICO, MISTICO O DI NATURA SPIRITUALE.

Per valutare l’autenticità,  di qualsiasi testo, antico o moderno, con metodo sicuro e certo, bisogna tener presenti alcuni aspetti ben precisi, altrimenti non si valuta con precisione ma nel modo scorretto…non ottenendo la verità! Il metodo deve essere composto da due parti fondamentali la  verifica e il confronto con  un metro preciso che sono le 5 Regole D’oro dello Spirito Santo, con queste 5 regolette si ottiene la sicurezza assoluta che il testo è volontà di Dio e non volontà umana.

Quindi esso deve essere valutato con questo semplice sistema:

  • La verifica dei testi originali senza correzione alcuna.
  • Il metro del confronto tra più testi, inerenti lo stesso argomento.
  • 5 regole d’oro dello Spirito Santo


Considerazione: Come può un "santo, apostolo, profeta, teologo" smentire un altro "santo, apostolo, profeta, teologo " se in entrambi vi è lo Spirito Santo?


Specifichiamo:

  • La verifica dei testi (originali) senza correzione alcuna.

Per capire meglio se un testo è autentico in  se stesso, bisogna conoscere il vero testo quello originale, scritto in prima persona, dal soggetto che lo ha ricevuto, o mediante qualcuno che lo ha aiutato a scrivere.(impossibilitato a scrivere o per che non sapeva scrivere, o per problemi fisici)
Molto spesso, per svariate ragioni un testo viene vagliato da altri soggetti, quali correttori, scribi, ecc. In tempi sia antichi che moderni, spesso i profeti o anche santi, i loro scritti venivano sempre vagliati da qualche vescovo che spesso, se non v’era un vero rispetto per l’intenzione di Cristo, della Vergine, dello Spirito Santo, di Dio Padre o qualsiasi entità sia, è facile che il vescovo modifichicasse sia in parte, che completamente, sia involontariamente o volontariamente per rendere il messaggio a suo dire più conforme alla comprensione. Ma spesso accade che il sacerdote o vescovo, modifichi sostanzialmente il contenuto, per cui il messaggio originale non è neppure vagamente quello dato da Dio. Per cui a noi perviene non il testo originale con i suoi errori e con la sua forma, ma arriva un testo modificato non più originale, perdendo sia in parte, che completamente il suo messaggio autentico.

Quindi bisogna accertarsi che quanto abbiamo sottomano sia il testo originale, o sapere quali modifiche siano state apportate. Dopo questa verifica fondamentale senza la quale non si può valutare nulla, salvo che si fa una valutazione, che però non può essere considerata valida, perché appunto mancate della parte di verifica dell’autenticità dello scritto.

Quindi sarebbe corretto, se chi, si predispone a correggere l’ortografia e la forma del testo qualsiasi esso sia, venga riportato per correttezza, morale, etica e psico-spirituale, il testo originale oltre al testo risistemato per una migliore comprensione, se non viene fatto ciò si può pensare tranquillamente che in realtà si sia voluto modificare di proposito il suo contenuto perché non gradito. Infatti spesso il Signore bacchetta mediante questi messaggi proprio la sua chiesa, e sappiamo bene che la chiesa non tollera questo modo di parlare di Dio…e questo la dice lunga..

Per cui quando si leggono questi documenti se sono stati vagliati precedentemente da terze persone, prima della loro pubblicazione, si deve tener presente che può essere che siano state aggiunge da piccolo a grandi modifiche degli stessi, per cui prima di dire che il tal soggetto non è autentico, bisogna accertarsi quanto del testo originale è stato cambiato.



  • Il metro del confronto tra più testi, inerenti lo stesso argomento.

Il confronto va fatto tenendo a mente le 5 regole d’oro dello Spirito Santo, si confronteranno parti simili, per stabilirne alla luce di queste 5 regole assolute, la veridicità dei testi se sono autentici cioè parola di Dio oppure parola umana o in casi estremi satanica.

 Quali sono queste regolette:

  1. Lo Spirito Santo è prefetto!
  2. Lo Spirito Santo non sbaglia Mai!
  3. Lo Spirito Santo non si contraddice Mai!
  4. Lo Spirito Santo non si smentisce Mai!
  5. Lo Spirito Santo dice sempre la Verità!


Dopo la verifica di originalità del testo, e il confronto alla luce delle 5 Regole d’oro dello Spirito Santo, potremo sapere con sicurezza se quel documento proviene ed è parola di Dio.

Con questo metodo potremo capire se qualsiasi testo antico(bibbia, vangeli, ecc) o moderno è parola di Dio o sua manifestazione.

Non si scappa, se si applicano, le 5 regole d’oro dello Spirito Santo!!!



°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°


un esempio:




Qualcuno dirà che tra un veggente e l'altro esistono delle contraddizioni, ma se in ognuno di loro esiste lo Spirito Santo nello stesso modo, come può esserci contraddizione? significa che chi dice questo non sa quello che afferma, perchè lo Spirito Santo non si contraddice di certo, quindi....o chi parla e sentenzia non sa quello che dice, oppure uno dei due veggenti non proprio un vero veggente... per esempio, qualcuno mi fatto osservazione che tra la Emmerick e la Valtorta (ho letto solo quello che qualcuno mi ha sottoposto) ci sono delle contraddizioni....bene qualcuno dice che la Emmerick gli fu rivelato il nome vero di Longino, mentre la Valtortà asserisce che quello è il suo vero nome.... la mia modesta valutazione è questa, che il nome longino non è il nome di quel soldato, ma come si sà, la parola longino deriva dalla parola greca (lochi) cioè lancia per cui il nome di quel soldato non era certamente Longino, e dato che non si conosceva il nome gli si è attribuito quello per miglior comprensione di chi fosse. Allora si comprende da ciò che la Emmerick consoceva il vero nome di quel soldato chiamato Longino, mentre la Valtorta no, ma questo non significa che la Valtorta dica il falso, nei suoi documenti, dato che nessuno sà, se essi siano stati manipolati da altri prima della loro pubblicazione, anzi è molto probabile che qualche sacerdote li abbia rivisti, corregendoli e aggiugendo per miglior comprensione degli stessi alcune parole, ma senza dire che in essi sono state apportate delle modiofiche, con la conseguenza che chi valuta a posteriori, potrebbe dire che i testi di questa Valtorta non sono autentici e certamemnte in parte maniolati....Come è anche possibile che la stessa abbia involontarimente durante la stesura degli stessi aggiunto per le medesime ragioni alcune parole, data la l'ignoranza di non conoscere la specificità. Per cui non si può stabilire un testo se uno di essi è modificato e nessuno può sapere, quante e quali modifiche effettivamente il testo originale contiene. Servono sempre i testi originali per conoscere il vero pensiero... tutto quello che viene dopo può essere anche falso...


ACQUISTATE IL VOLUMETTO LA GLORIA DI DIO E TROVERETE RIUNITE TUTTE LE  PREGHIERE NELL'ORDINE VOLUTO DALL'IMMACOLATA. 

Il verbo di Dio si manifesta quando?


Il verbo di Dio si manifesta quando?

Da prima di Gesù, Dio padre, diede ad uomini la possibilità di amministrare il suo potere, insegno ad essi come si gestiva, e cosa produceva l’azione del verbo, cioè la parola enunciata, vediamo Re Salomone uno dei più intelligenti e sapienti Re, che la storia di Israele abbia conosciuto, vediamo Isaia, Elia, Ezechiele, Davide, ecc, tutti profeti che gestivano a nome di Dio il suo potere per il bene della comunità e di quanti volevano parteciparvi. Per volontà di Gesù qualcosa cambia, mente prima i profeti e re ebrei gestivano il potere di Dio, ora questo non è più possibile egli ha cambiato qualcosa con la sua venuta, non servono più formule strane, per invocare ed evocare la potenza di Dio, basta nominare il Nome sacro di Gesù, per volontà del Padre Suo, che ogni cosa sarà fatta, ma dalla venuta di Gesù, Dio monitora, la situazione contendendo non più indiscriminatamente qualsiasi cosa al suo Apostolo, ma solo quello che Egli stesso, desidera secondo la Sua volontà, in pratica è Dio che effettivamente concede la grazia chiesta dall’Apostolo, ma se l’apostolo non corrisponde non solo la parola, ma anche in cuor suo, lo stesso desiderio, ecco che quando egli domanda e tenta di eseguire mediante la parola e i nomi sacri di Dio, essa non si manifesta. Perché per manifestare la potenza di Dio il suo potere bisogna che ci sia intento di parola e di anima, se manca l’anima, la parola non si manifesta, sottoforma di potere di Dio. Questo è il grande e geniale cambiamento che Gesù porta, per controllare in maniera precisa l’attività dei suoi sottoposti, Apostoli, discepoli, e ogni eletto. Ma Gesù va oltre, l’uomo non vede e non comprende che avendosi posto un capo, come vicario di Cristo, esso si pone maggiormente sotto lo sguardo acuto di Dio, ed ogni sua azione, pensiero e moto dell’anima viene vagliato da Cristo stesso. Se il suo parlare con corrisponde al suo agire e soprattutto non corrisponde al vero pensiero di Cristo, a quanto Cristo ha comandato, le sue azioni e parole rimangono vuote, ed anzi, dato che Cristo fu perfetto in terra ed intaccabile da ogni demone, se un pontefice, non si comporta esattamente come fu Cristo, il suo operare, nella parole, nei desideri, e nei pensieri, diviene un arma contro se stesso,. Preciso, se un vicario, frequenta amicizie, che sono contrarie alla volontà di Cristo, alla sua legge, alle sue intenzioni, quanto da esso fatto, esposto, detto, desiderato, ecc, gli viene contro, non danneggia se stesso, ma coloro che sono nel suo pensiero, un esempio… di questi giorni, il 29 luglio 2014 è morto un caro amico del pontefice un certo G.T. dopo che il pontefice, ha dato molto più risalto, a questo uomo, un predicatore protestante acerrimo nemico della vera chiesa di Cristo e della Madonna. Dio ha visto l’intento e la volontà di questo suo vicario, ha giudicato che esso non fosse in linea con i suoi dettami, dato che il suo cuore e la sua anima non erano in linea con il pensiero di Dio, quanto egli ha manifestato contro i suoi stessi sottoposti e contro il popolo Cristiano, gli si ritorto contro, ricadendo la sua azione, verso l’amico tanto amato, in pratica il pontefice stesso, senza saperlo ha decretato per contrarietà manifeste a Cristo la fine del suo amico. La Sua azione, positiva, eccessiva verso costui, ha generato un azione negativa verso costui, perché il suo operato non  era in linea con la volontà di Gesù, per cui esso ha tirato a se un male maggiore, rigettandolo non su di se, ma verso chi egli riteneva più importante di un popolo che lo acclamava.
Se Dio si negasse ai suoi angeli che Dio sarebbe, se Dio non accorresse a quanti lo invocano, chi sarebbe, se Dio non si chinasse a soccorrere il più debole che Dio sarebbe! Se il vicario che dovrebbe rappresentare Cristo, in terra, non fa lo stesso non è vicario di Cristo e non lo rappresenta.

Un altro esempio, se un uomo si reca in un luogo Santo ritenuto dalla cristianità culla del Dio vivente, con animo avverso allo stesso Dio, e con pensieri malevoli, esso porta con se non contrizione, non umiltà, e macchia quell’luogo Santo, con la sua avversione, quello che accadrà potrebbe essere commisurato alla funzione di quell’uomo. Quindi se un vicario non corrisponde esattamente in cuor suo, nella sua mente, nella sua anima e nelle sue parole la vera volontà di Cristo e il vero credo in Cristo, tutto ciò che fa, va a danno della comunità, anziché di se stesso, perché Cristo Dio, vuole fino all’ultimo tentare di salvarlo, e cercherà di fargli capire mediante gli eventi attorno a lui, il suo errore. Di conseguenza abbiamo che, maggiore è il potere di un apostolo, maggiore sarà gli effetti collaterali che questo apostolo scatenerà attorno a sé, se esso non corrisponde con perfezione il suo Credo d’amore verso il suo Dio.

Un vicario è sottoposto maggiormente all’attenzione di Cristo, rispetto a qualsiasi suo sottoposto, se il vicario che dovrebbe rappresentare Cristo in terra, secondo la volontà che la chiesa si è in qualche modo presa come carico su di se, non corrisponde perfettamente alla volontà di Cristo nella perfezione più assoluta, esso non agirà nel bene del popolo, ma per la sua rovina.
Se le sue benedizioni, non sono promosse con intenzione e da un animo Santo, esse non sono benedizioni, ma possono divenire maledizioni.

Perché il verbo di Dio si manifesti!
Non basta emettere parola, bisogna, che l’essere umano creda in Dio, creda nel profondo  della sua anima, e sia convinto nella sua mente che Dio fa sempre, quando il connubio tra queste tre parti è perfetto, ecco che il verbo si manifesta nella carne umana e nel mondo, secondo la volontà di chi lo ha invocato, ma se una sola di queste manca, non avviene nulla…. O può avvenire anche il contrario a secondo del ruolo coperto di chi le ha volute.

Ma Dio è sempre supervisore, e da o toglie a seconda dell'animo umano.





FUGGITE DA CHI VI ADULA E DA CHI USA CRISTO CONTRO CRISTO.

Attenzione a chi vi omaggia e vi adula!!! Tutti noi siamo felici quando la gente ci fa i complimenti, ma quando questi so...