mercoledì 28 agosto 2013

Messaggio 3 maggio 2006

Padova, 3 maggio 2006.

Molti uomini cercano soddisfazione nei propri propositi, vogliono imporre la propria volontà e il loro punto di vista, prevaricando le opinioni altrui senza giustizia. Prima di muovere le vostre parole contro un altro vostro simile, cercate con sincerità e scrutate dentro di voi con la mia verità; cercate la trave che c’è in voi , prima di voler vedere la pagliuzza che c’è nel vostro prossimo. Siete certi di essere nel giusto? Chi è senza peccato scagli la prima pietra! Ma chi di voi può dirsi santo?

Sempre più spesso gli uomini cercano soddisfazione nei loro discorsi, nelle cose che accadono del presente o del passato, se dunque avete riposto le armi e avete colmato le vostre sofferenze nelle pace del mio amore, perché volete trovare soddisfazione?  Gli eventi dolorosi, si maturano nel proprio cuore, essi dovrebbero essere per voi come oro fino, se dunque vedete in essi un motivo che vi può rendere migliori, non cercate soddisfazione,  perché altrimenti non siete degni del Mio amore, e non avete compreso la Mia venuta tra voi. Trattenete nel vostro cuore la sofferenza e chiedetemi di comprendere e saper sempre perdonare nel dolore. Chi ama nel dolore, nella sofferenza ama tre volte. Amate chi vi perseguita, amate chi vi odia, se volete essere miei figli, fratelli, amici.

Quando descrivete qualche fatto che vi turba, agli altri, ricordatevi che Dio sa  tutto; se dunque chi vi dovrebbe dare il responso giudica in base a ciò che affermate, non potete dire che ciò che costui ha detto viene da Dio, perché dove Io sono, Io so già la verità, senza che uomo apra bocca.
E la verità l’avreste senza bisogno di raccontare le vostre vicende.

Quando vi recate da persone che non vi conoscono e dovrebbero darvi un consiglio su cosa è meglio fare o dire, dovete essere sinceri e non raccontare solo quello che vi fa piacere , perché altrimenti la verità non emerge. Quando siete chiamati a testimoniare un fatto accaduto, dite la verità di ciò che conoscete, quindi lo stesso lo dovete fare prima di tutto verso voi stessi.  Siate onesti, giusti e sinceri sempre, prima verso voi stessi; scrutate la trave che c’è nei vostri occhi e se in voi non c’è macchia, esponete la verità.

Essere gli ultimi sulla terra, significa essere i primi nei cieli, non ambite a cose superiori alle vostre capacità, siate modesti e semplici, spargete la mia parola ovunque e non curatevi troppo delle cose terrene, la vera vita non è questa.


Messaggio della S.Sma Ruah

La S.Sma Ruah parla al mondo e ai fedeli. Sabato 14 ottobre 2017 ore 3:00 Messaggio di questa mattina: Ho deciso di porre l...